adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Leviathan

sabato 9 Maggio, 2015 | di Michele Galardini
Leviathan
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE DALLA RUSSIA CON AMORE
Gigantesco come il Leviatano, è il cinema
In un paese anonimo del nord della Russia, l’ex militare Kolia (Alekseï Serebryakov) lotta contro il prepotente sindaco dalla fervente religiosità, intenzionato ad espropriarlo della sua abitazione per costruire un gruppo di nuovi appartamenti.

Per portare a termine la sua testarda lotta contro il potere fa venire da Mosca un amico avvocato che si mette letteralmente alle costole del primo cittadino, costringendolo a rivedere le sue mire. Ma la strada di Kolia, uomo solo e piccolo di fronte all’ingiustizia del mondo, sarà lastricata da un’interminabile successione di ostacoli. mediacritica_leviathan_290Vincere il premio per la migliore sceneggiatura a Cannes e poi vedersi soffiare l’Oscar come miglior film straniero potrebbe, di per sé, rappresentare un indizio di qualità e di autorialità da non sottovalutare. Si potrebbe pensare, letta la trama e considerato il prestigioso premio, ad un’opera minimale basata per gran parte sulle capacità recitative degli attori e narrative degli sceneggiatori (Oleg Negin e lo stesso regista Andrey Petrovich Zvyagintsev), da inserire nel calderone dei prodotti festivalieri sempre meno cinematografici e sempre più televisivi. Nel caso di Leviathan tali pregiudizi hanno il solo ruolo di aumentare a dismisura il godimento dello spettatore trovatosi davanti ad uno spettacolo raro per gli occhi, figlio prossimo del cinema russo delle origini (naturalmente la rappresentazione delle icone propria di Ėjzenštejn) e, al tempo stesso, del grande cinema contemporaneo (su tutti Nuri Bilge Ceylan e Paul Thomas Anderson). Come un Giobbe moderno, lontanissimo dalla figura proposta dai Coen in A Simple Man, Kolia affronta il Leviatano/Stato hobbesiano con la sola arma dell’opposizione ad oltranza, del cieco sabotaggio della modernità, buona o cattiva che sia. Nella sua progressiva discesa nell’inferno della Russia contemporanea fatto di tradimenti, diritti negati e rapporti familiari quanto mai complicati, il protagonista non riesce mai ad apparire positivo al fine di guadagnarsi lo status di vittima. Semmai è tragicomica la sua idea di mondo, in pura salsa “degrado post sovietico”, di cui è parte integrante un pic-nic di caccia nel quale i bersagli sono innocenti bottiglie di vetro o ritratti dei leader sovietici del passato. L’unica icona a troneggiare, al pari dell’immagine fiammeggiante del volto di Cristo, è quella di Putin: estremi di un mondo ridotto a carcassa, scheletro nel quale la bellezza si recupera solo nella morte, nella solitudine o nell’assenza di umanità. Il tutto dipinto da una regia emozionante dalla quale traspare un’idea precisa di linguaggio visivo (non di fotografia) che può ancora stupire ed evolversi, trattandosi di arte e non solo di industria.

Leviathan [id., Russia 2014] REGIA Andrey Petrovich Zvyagintsev.
CAST Alekseï Serebryakov, Vladimir Vdovichenkov, Roman Madyanov, Elena Lyadova.
SCENEGGIATURA Oleg Negin, Andrey Petrovich Zvyagintsev. FOTOGRAFIA Mikhail Krichman. MUSICHE Philip Glass.
Drammatico, durata 140 minuti.

2 Comments

  1. Buffalo '66 says:

    Recensione di qualità, che mi ha chiarito anche alcuni aspetti del film che non avevo messo a fuoco. Pollice alto! 🙂

  2. Wilder 87 says:

    Mi convince il paragone con Ceylan. Per me “Leviathan” ha dei punti in comune soprattutto con “Il regno d’inverno”, partendo anche da un dato assai semplice. Sono entrambi dei film molto dialogati, in cui sceneggiatura e recitazione hanno un ruolo fondamentale, ma che allo stesso tempo presentano delle inquadrature e dei paesaggi immensi e grandiosi. Sono dunque dei film che uniscono una sceneggiatura solida e strutturata a una ricerca visiva di grande impatto, che aggiunge ulteriori sensi e significati all’opera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly