adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

This Must Be the Place

lunedì 17 Ottobre, 2011 | di Eleonora Degrassi
This Must Be the Place
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

C’era una volta, in un paese lontano, un Peter Pan “gotico”…
“Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”, così Ungaretti racconta i suoi Soldati, e così molte volte ci sentiamo noi, spaventati e atterriti, sul punto di cadere, degli Edward mani di forbice, diversi per stare con gli altri, incomprensibili e insopportabili anche per noi stessi; allora ci nascondiamo, imbellettandoci, di fronte agli altri siamo pagliacci pronti ad inscenare il Nostro Spettacolo.

Cheyenne, uno strepitoso Sean Penn, rockstar del passato, cinquantenne, si mostra nel momento della “costruzione” del mito/decostruzione del vero sé, rossetto e matita nera, occhi di un azzurro “demoniaco” e spaesato, pronto per farsi trapassare dalla giornata – “credo di essere un po’ depresso” – ma poi una notizia lo fa muovere, destandolo dallo spleen e dalla prigionia mentale che lo attanagliano: la morte del padre. Questo è This Must Be the Place – titolomediacritica_this_must_be_the_place_290_1 di una canzone dei Talking Heads l’ultimo film, il primo americano, di Paolo Sorrentino, in concorso all’ultimo  Festival di Cannes. Non lo vediamo mai lavorare, l’unica occupazione è fare l’ex star, tutti lo riconoscono, ma nessuno sa chi lui sia realmente: John Smith. Passa le giornate a vagare per Dublino con un trolley – come la ventiquattrore di Le conseguenze dell’amore – pieno di rassegnazione, paura di crescere, di evolversi. La sua esistenza scivola tra il grottesco e il poetico; come fanno le cose sul suo strano corpo, mentre il mondo “normale” va in un’altra direzione, opposta alla sua – Cheyenne, come l’amica dark, triste e spaventata, con un dramma nel cuore (la scomparsa del fratello, fan della star) e tanti “dolori nella testa”, scende dalla scala mobile di un grande magazzino, mentre “il resto dell’Umanità” sale. Una moglie solida, vigile del fuoco – che cerca di “spegnere” i disagi di un uomo che vuole restare bambino, arroccato nella sua “ostinata” depressione -, pronta a capirlo, giustificarlo, ridimensionare i suoi nodi, attratta da lui e amante di tutto ciò che egli è, una Penelope che attende il suo Ulisse, costretto al viaggio – il nostro vuole scovare il nazista che ha torturato il padre e così ritorna al passato, leggendo le memorie del genitore, trovando documenti, un lager nazista, un male universale, che diventa il suo Male – per poter costruire un rapporto post mortem col padre e quindi scoprire se stesso. Rockstar o adolescente, Olocausto o qualunque altra tragedia, poco importa; Sorrentino ci regala un’opera perturbante, intensa, coinvolgente, percorsa da una solitudine malinconica che incatena e ci costringe ad una “terapeutica stasi”: Cheyenne ci offre la metamorfosi e la crescita e forse anche noi, usciti dalla sala, siamo un po’ più grandi, forse anche per noi This Must Be the Place.

This Must Be the Place [id., Italia/Francia/Irlanda 2011] REGIA Paolo Sorrentino.
CAST Sean Penn, Frances McDormand, Judd Hirsch, Simon Delaney, Eve Hewson, Shea Whigham.
SCENEGGIATURA Paolo Sorrentino, Umberto Contarello. FOTOGRAFIA Luca Bigazzi. MUSICHE David Byrne, Will Oldham.
Drammatico, durata 118 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly