adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mr. Holmes – Il mistero del caso irrisolto

sabato 21 Novembre, 2015 | di Massimo Padoin
Mr. Holmes – Il mistero del caso irrisolto
In sala
4
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE SULLE ORME DI SHERLOCK
Citizen Holmes
In un film di qualche tempo fa il protagonista moriva lasciando cadere una palla di vetro pronunciando come ultimo respiro la parola “Rosabella”. Questo era l’incipit del film, diretto da Orson Welles, e tutto ciò che seguiva era la vana ricostruzione, da parte di alcuni cronisti, della vita di quest’uomo per dare senso a quest’ultima parola. Il protagonista era una delle personalità tra le più importanti del secolo, a capo di un grande impero editoriale, capace di condizionare l’intera vita di un Paese.

Diversi decenni dopo un’altra pellicola rappresenta similmente la stessa scena, e l’importanza del protagonista è la medesima, se non maggiore, sia nella realtà che nella finzione. Di cognome fa Holmes, Sherlock di nome, e dentro la palla di vetro che quest’uomo lascia cadere, durante l’inverno della sua vita, invece della neve ci sono due api che rappresentano l’incipit per ripensare alla propria esistenza.mediacritica_mr_holmes_il_mistero_del_caso_irrisolto_290 La citazione e il voluto accostamento a Quarto potere da parte di Bill Condon, regista di Mr. Holmes, rappresentano l’elemento più originale e tutt’altro presuntuoso di una pellicola fin troppo imbellettata, in possesso di un registro narrativo e registico classico, e di una lettura programmatica a metà tra il rispetto verso il personaggio creato da Arthur Conan Doyle e una sua versione forzatamente inedita. Lo Sherlock di Mr. Holmes ci mette di fronte a un novantaduenne ritiratosi in campagna come apicoltore, aiutato da una governante e suo figlio, a disagio nei confronti della propria fama e del personaggio che i racconti scritti da Watson hanno creato su di lui. Questo Holmes si confronta con una memoria ormai perduta: la necessità di ricostruire i propri ricordi e in particolare l’ultimo caso seguito. Proprio come per Charles Foster Kane, Holmes si confronta non solo con una memoria personale, fallace e lacunosa cui cerca di porre rimedio, ma anche con quella pubblica e romanzata dai media. Gli scritti di Watson e i film tratti da essi creano un’aura mitica, un labirinto privato ed esposto che inizialmente si cerca di ricostruire e successivamente tenta di sfuggirgli. Mr. Holmes raffigura un’icona in cerca di se stessa, che si specchia con la propria fama, esagerata e insostenibile, intende riscrivere la verità dei fatti sul suo ultimo caso diversa da quella divulgata nel racconto di Watson (figura aleatoria ma presente), diventata una falsa verità per l’opinione pubblica. Un’icona che osserviamo ripensare a sé, sul suo mito e su ciò che noi stessi ci aspettiamo da essa.

Mr. Holmes – Il mistero del caso irrisolto [Mr. Holmes, Gran Bretagna 2015] REGIA Bill Condon.
CAST Ian McKellen, Laura Linney, Milo Parker, Hattie Morahan.
SCENEGGIATURA Bill Condon, Jeffrey Hatcher. FOTOGRAFIA Tobias A. SchLiessler. MUSICHE Carter Burwell.
Drammatico, durata 104 minuti.

4 Comments

  1. P. says:

    è bello il film?!?!?!

  2. Maria Sole says:

    Articolo interessantissimo, ma sono d’accordo col commento qua sopra: non si capisce granché del film!

  3. MovieFan says:

    Bella l’analisi, il film però non si capisce (se non guardando le stelle) se sia meritevole o no di una visione. In ogni caso, la mia risposta è NO! Bravissimi attori, ma il film è di una noia senza pari, artefatto, manierista, NOIOSO.

    • MaxPado says:

      Mi scuso per non aver dato la giusta enfasi al giudizio. Comunque come scrivevo, è appunto un film troppo programmatico e classico tanto da renderlo piatto, e come giustamente dici, noioso. Però i riferimenti a Quarto potere li ho trovati interessanti e inusuali, per questo mi ci sono soffermato tanto. Spero di aver chiarito un po” meglio il mio punto di vista.
      Un saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly