adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Sils Maria

sabato 8 novembre, 2014 | di Marcello Polizzi
Sils Maria
In sala
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Un cinema in divenire
Sils Maria, ultima fatica di Olivier Assayas, è senza mezzi termini un film sul cinema, e uno dei più sinceri ed efficaci degli ultimi anni. Lontano da un compiaciuto omaggio alla settima arte, si tratta di una lucida e acuta riflessione sull’approccio all’opera cinematografica, una meditazione sulla sua valenza temporale.

Come un metronomo, in Sils Maria è il cinema stesso a scandire il tempo di un’unica partitura che va dalle note di Pachelbel a sonorità contemporanee, dal vecchio al nuovo, in un continuo dialogo tra epoche distanti su cui abilmente i personaggi operano a più livelli mettendo in scena uno smascheramento della finzione tout court. La sequenza iniziale del viaggio di Maria – una folgorante Juliette Binoche – chiamata a mediacritica_sIls_mariaritirare un premio, riporta alla mente il caso del bergmaniano Isak Borg e di certo la lezione del maestro svedese si fa sentire ancor più nella caratterizzazione del rapporto tra Maria e la sua giovane assistente Valentine – un’intensa Kristen Stewart. Gli echi di Persona difatti risuonano tra le alpi svizzere di Sils Maria, piccola località in cui le due donne si ritirano quando l’attrice accetta di prepararsi per reinterpretare la pièce che ne lanciò la carriera in gioventù. Stavolta non vestirà però i panni della giovanissima Sigrid, bensì della sua vittima, la matura Helena, succube dell’attrazione nei confronti della ragazzina. Sils Maria sarà dunque per la protagonista il suo “posto delle fragole”, meta di quel cammino che la porterà a una riconsiderazione del suo passato e del suo lavoro, ad uno sguardo nuovo, frutto di un contrasto con tutto ciò che di “nuovo” la circonda. E così la curiosità e lo scetticismo di Maria verso la giovane attrice del momento che interpreterà Sigrid, Jo-Ann Ellis – una Chloë Grace Moretz perfetta nel ruolo –, solleva il discorso di un nuovo approccio cinematografico, di un nuovo modo e nuovi mezzi con cui esprimersi, forse di una nuova sensibilità che Maria non riesce a fare propria dal momento che, come Val le accusa, fatica a staccarsi da un passato ingombrante. Come in un gioco di specchi dunque i confronti tra le varie donne si riflettono e si sovrappongono sotto l’aura dei personaggi di Helena e Sigrid, fino a bucare lo schermo e in uno spostamento di piani tra realtà e finzione, d’un tratto la presenza della Stewart e della Moretz pare quanto mai rappresentativa: incarnazione di un’ideale, e un po’ fantasiosa, sfida tra il nuovo cinema che avanza e quello glorioso del passato, simboleggiato dalla Binoche, affermato, famoso e ricco di premi. Certamente Assayas non vuole mostrare una frattura tra fazioni avverse; al contrario, auspica un incontro e documenta, senza ingerenze o forzature, un cinema del divenire che, lontano da un qualsivoglia afflato nostalgico, fa sua la forza del bianco e nero delle nuvole di Sils Maria filmate da Fanck nel 1924 e seguendo il “serpente del Maloja” sinuosamente stende un ponte tra passato e presente.

Sils Maria [Clouds of Sils Maria, Francia/Svizzera/Germania 2014] REGIA Olivier Assayas.
CAST Juliette Binoche, Kristen Stewart, Chloë Grace Moretz, Angela Winkler, Johnny Flynn.

SCENEGGIATURA Olivier Assayas. FOTOGRAFIA Yorick Le Saux.
Drammatico, durata 124 minuti.

Sils Maria
3.7 3 73.33%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly