adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Walking Dead

mercoledì 19 Dicembre, 2012 | di Mattia Filigoi
The Walking Dead
Media
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Una droga, non un fumetto
La cosa che più colpisce nel fumetto The Walking Dead è l’evoluzione psicologica dei protagonisti. O meglio, del protagonista, Rick Grames, dato che il suo autore, Robert Kirkman, tratta i personaggi come gli zombi che cercano di mangiarseli, abbattendoli con estrema facilità nei momenti più improvvisi e con una violenza dirompente.

Così, ciclicamente ma neanche troppo, assistiamo a choccanti sottospecie di purghe staliniste, dove nel giro di qualche pagina il 90 % dei protagonisti viene spazzato via con sadica freddezza. Cazzotti nello stomaco per noi che leggiamo, non solo perché affezionati ai personaggi, ma anche per “come” muoiono: su tutti, il numero 48 (secondo le uscite originali americane), finale dello scontro tra i sopravvissuti di Rick e il Governatore. Una mattanza. Ovviamente non trasmissibile in televisione: la serie tratta dal capolavoro di Kirkman, per quanto bella tosta sul versante splatter, rimane comunque una versione estremamente edulcorata delle tavole illustrate, tant’è che il Governatore, se nella serie tv pare un grandissimo figlio di puttana, rispetto alla sua controparte disegnata altro non è che una fighetta. E qui torniamo al discorso iniziale, l’evoluzione del personaggio di Rick. Da eroe positivo, o quanto meno “umano” – nel numero 1 uccide zombi per pietà – con il susseguirsi degli eventi diventa pian piano egli stesso una cinica macchina di morte, che prima spara e poi domanda, che mente e inganna i suoi compagni, che imprigiona e quasi tortura ogni nuova persona incontrata, mosso dall’unico imperativo di proteggere la sua famiglia, sacrificando anche i suoi compagni (si veda ad esempio cosa combina nel numero 83). Lo stesso il Governatore, che prima di trasformarsi in un sadico dittatore viene descritto come una persona buona e disposta a morire per salvare il suo gruppo: praticamente, una possibile (probabile?) versione futura di Rick, più che la sua controparte maligna, che si concretizza con l’avanzare della storia, alternando terrificanti violenze a crisi morali e rischiosissime azioni per proteggere i suoi compagni. Rick diventa sempre più un personaggio ambiguo, e l’attenzione si sposta totalmente sulla sua figura, quasi portando in secondo piano il fatto che il mondo è pieno di affamati cadaveri ambulanti: diventerà un nuovo Governatore? Perderà del tutto la sua umanità? Dopo otto anni di pubblicazioni (il numero 1 è uscito negli USA nel maggio 2004) Kirkman con questa trovata riesce magnificamente a rilanciare la sua saga, mantenendo altissima l’attenzione, nonché la dipendenza alla serie. Perché sì, The Walking Dead crea dipendenza, se ne vuole sempre di più e ogni albo si divora con la stessa incontrollabile frenesia di uno zombi che si getta sulla sua preda umana. Albi che, dal novembre scorso, sono reperibili anche in Italia, tradotti e pubblicati mensilmente da SaldaPress: assaltate le edicole, ne vale la pena.

The Walking Dead [id., USA, dal 2004]
IDEATO E SCRITTO DA Robert Kirkman. DISEGNI Tony Moore, Charlie Adlard.
PUBBLICATO DA Image Comics (USA), SaldaPress (Italia)

The Walking Dead
4 1 80%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly