adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

E ora parliamo di… Paul Verhoeven

sabato 25 marzo, 2017 | di Filippo Zoratti
E ora parliamo di… Paul Verhoeven
Review
2
Facebooktwittergoogle_plusmail

SPECIALE PAUL VERHOEVEN
L’uomo senza ombra
Come stabilire coordinate univoche quando si parla dell’anticonformista Paul Verhoeven? Nato ad Amsterdam nel 1938, Verhoeven è arrivato al grande pubblico – americano, e quindi mondiale – attraverso opere controverse, contraddittorie e asimmetriche. In cima alla lista, ovviamente, RoboCop (1987) e Atto di forza (1990).

Prima di questi due film, la fantascienza aveva altre connotazioni: Verhoeven comprende la necessità di gettare il cuore oltre il compromesso e la morale, riempiendo le due pellicole (la seconda delle quali, è bene ricordarlo, tratta da Philip K. Dick; tralasciando il capo d’opera Blade Runner, siamo di fronte alla miglior trasposizione dell’universo cyberpunk e avantpop dello scrittore statunitense) di satira e feroce cinismo.mediacritica_paul_verhoeven_290 Ma non è questo che scandalizza i benpensanti di allora: a finire nell’occhio del ciclone è la sua predilezione per i toni accesi e per il ritratto realistico e disturbante della violenza. Verhoeven disegna una violenza selvaggia e grottesca, chiave socio-politica delle relazioni umane. Uno scandalo, ma solo per il suo nuovo pubblico: tutti i suoi lavori “olandesi” – dall’esordio Gli strani amori di quelle signore (1971) a Il quarto uomo (1983), che gli apre le porte di Hollywood – contengono già il gusto barocco e la fisicità per i quali verrà etichettato e frainteso nella dorata fabbrica dei sogni. A proposito di fraintendimenti, è lui stesso a ricordare in un’intervista del 2012 come alla fine degli anni Settanta fu in lizza per dirigere L’impero colpisce ancora; Spielberg gli chiese di portare all’incontro coi produttori il suo nuovo film Spetters: «C’erano scene forti, di sesso spinto, ma ne andavo fiero. Lo vollero vedere, così glielo mostrai e non venni mai più contattato». Il sangue, l’amore audace e la carnalità: questo è per l’America Paul Verhoeven. Un trittico ben riassunto nella disinibita patina di Basic Instinct (1992) e Showgirls (1995). Film sfacciati, ai limiti della pornografia, poco consoni ad un establishment che in quegli anni premia Gli spietati di Eastwood, il Codice d’onore di Reiner, i Cuori impavidi di Gibson e il Forrest Gump di Zemeckis. Verhoeven incassa bene, ma sbanca ai Razzie Award e finisce nel calderone dei reazionari a causa di Starship Troopers (1997), apologo antimiltarista scambiato per guerrafondaio. E poi? E poi c’è l’abbandono, l’apparente sconfitta di un autore che gli States hanno pervicacemente reso invisibile e “senza ombra” (come il suo ultimo film yankee, anno 2000). Verhoeven, a 62 anni, appende la cinepresa al chiodo… E invece no: prima Black Book (2006) in Olanda e poi Elle (2016) in Francia portano fra lo stupore generale alla ribalta il quasi 80enne Paul. Con Elle in particolar modo si consuma la rivincita più lampante: quasi derisa al momento della presentazione in concorso a Cannes 2016, l’opera con protagonista Isabelle Huppert sembra sabotare proprio le convenzioni e gli stereotipi degli Studios, imbastendo provocatoriamente una trama imprevedibile e impossibile da etichettare. Qui inizia la terza carriera di Verhoeven, cineasta – ora sì! – che risorge con un prodotto finalmente (e nuovamente) aderente alla sua poetica. Lontano dai (pre)giudizi e dalle convenzioni, lontano dalle logiche accecanti di Hollywood.

2 Comments

  1. Recall says:

    Che film gigantesco è ELLE??

  2. Pingback: Fiore di carne (1973) - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly