adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte II

sabato 21 Novembre, 2015 | di Valentina Cauteruccio
Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte II
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

La straordinaria normalità di un’eroina del popolo
Tutto sta per concludersi. La battaglia finale tra i ribelli e il grande potere centrale si avvicina sempre più. Ma tra dubbi esistenziali e sentimentali Katniss inizia banalmente a chiedersi se il fine giustifichi i mezzi, se sia giusto sacrificare vite pur di raggiungere l’obiettivo finale, la libertà. Questo problema si presenterà per tutta la pellicola, e metterà fine al triangolo amoroso che si protrae da quattro capitoli.

Inizialmente tenuta da parte, lontana dall’azione, la nostra piccola insubordinata decide di non rispettare le regole – imposte dalla presidentessa Coen, che detiene un potere che non le appartiene – e di arrivare a Capitol City. Una volta scoperta e assegnata a dei compagni si decide di “utilizzarla” per la sua immagine, per ciò che rappresenta: una giovane che da sola è riuscita a piegare il sistema sadico e tirannico. mediacritica_the_hunger_games_il_canto_della_rivolta_parte_II_290Ma quando si parla della “ghiandaia imitatrice” nulla va come dovrebbe, e così Katniss si ritrova al centro della battaglia, in mezzo a scene epiche che forse mancavano da un po’. Mentre nei primi due capitoli la lotta e la morte si svolgevano in enormi spazi aperti, dalle scene di caccia di una Katniss sconosciuta fino agli Hunger Games che si svolgono in boschi e distese enormi, in questo finale gli scontri sono caratterizzati da un senso di oppressione, tra palazzi giganti, fogne buie e piene di cunicoli, l’onda nera che li rincorre, in un dualismo tra prima e dopo, tra distretti e città, tra potere e ribellione. Se l’estetica e l’immagine è importante a Panem lo è anche per il regista Francis Lawrence che non sbaglia un colpo quando si parla di azione ma che forse in questa seconda parte de Il canto della rivolta cede un po’ troppo alla retorica, scivolando in alcuni passaggi nel qualunquismo. Alla fine (attenzione! Spoiler!) tutto si conclude per il meglio: Panem finalmente si libera di due tiranni e ottiene la democrazia anche se non con poche perdite. Katniss finalmente può togliersi le vesti di istigatrice della folla e tornare alla semplice vita di campagna, diventando ciò che ci si aspetta, in un perfetto quadretto familiare. Certo Hunger Games non vuole ricalcare i classici romanzi di formazione, né fare della protagonista un’eroina da film d’azione, ma anche il bisogno di mostrare la normalità – tanto desiderata e agognata – dei protagonisti attraverso una perfetta famiglia bionda, bella e baciata letteralmente dal sole non rende giustizia a questa saga che ci ha raccontato come un gesto di coraggio possa risvegliare tante anime e creare una rivoluzione.

Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte II [The Hunger Games: Mockingjay – Part 2, USA 2015] REGIA Francis Lawrence.
CAST Jennifer Lawrence, Josh Hutcherson, Liam Hemsworth, Donald Sutherland, Woody Harrelson, Elizabeth Banks, Julianne Moore, Philip Seymour Hoffman.
SCENEGGIATURA Danny Strong, Peter Craig (dal romanzo Il canto della rivolta di Suzanne Collins). FOTOGRAFIA Jo Willems. MUSICHE James Newton Howard.
Avventura, durata 137 minuti.

2 Comments

  1. Azzurra says:

    Io capisco che ormai della saga di Hunger Games si sappia tutto… ma non vi sembra che in questa recensione ci siano un po’ troppi spoiler???

  2. MovieFan says:

    Non concordo con il finale di questa (bella) recensione. A furia di pensare così tanto che la famiglia, la pace domestica, siano tanto normali da essere banali, li abbiamo messi da parte. Ma dopo una vita di sangue e lotta, cosa c’è di più agognato che la tranquillità insieme a chi ami? La vera rivoluzione di Katniss non è tanto quella di Capitol City, ma piuttosto l’aver mostrato che al di là di ogni retorica ciò che bramiamo maggiormente è la nostra fetta di felicità accanto a chi ci ama.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly