adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il cielo è vostro – Il cinema di Jean Grémillon

lunedì 2 Luglio, 2012 | di Lapo Gresleri
Il cielo è vostro – Il cinema di Jean Grémillon
Festival
0
Facebooktwittermail

Il Cinema Ritrovato, Bologna, 23-30 giugno 2012

De humanae naturae
L’anno scorso era Maurice Tourneur. Quest’anno il regista “ritrovato” – grazie a un’ampia retrospettiva a lui dedicata – è stato Jean Grémillon, autore di grande talento, purtroppo mai affermatosi tra i grandi nomi del cinema francese.

Titolista, didascalista, montatore, compositore e sceneggiatore, Grémillon divide la sua trentennale carriera – su una vita di appena cinquantasette anni, gli ultimi dei quali trascorsi alla presidenza della Cinémathèque française – tra documentari e film di finzione, con grande padronanza del linguaggio e della tecnica cinematografica, in uno stile basato sulla rielaborazione e l’adattamento dei canoni preesistenti. L’influenza avanguardista, il montaggio alternato, il flashback, la profondità di campo a sottolineare scene composte su più piani, insolite inquadrature, punti di vista e movimenti di macchina caratterizzano l’opera dell’autore, decisamente rivoluzionaria e forse per questo non pienamente compresa a suo tempo. Nel documentario il regista dimostra un forte senso del paesaggio, della realtà sociale e dei lavori comuni, rappresentati con perizia quasi antropologica in Chartres, Essais au bord de la mer, Casting Ella Maillart e profonda coscienza storica e civile in Le 6 juin à l’aube. Tali elementi si fanno costanti anche del suo cinema narrativo, incentrato su una rappresentazione realista della vita nella provincia francese tra le due guerre, riflettendo, con la stessa finezza di Renoir, sulla natura del ceto popolare come di quello borghese, cercando di metterne in luce non tanto le evidenti differenze, quanto piuttosto i tratti comuni che li rendono parti complementari della stessa società. Grémillon supera dunque le differenze di classe, in favore di uno sguardo più ampio su un’umanità complessa e variegata di cui critica gli atteggiamenti e i costumi, pur nel rispetto dei soggetti rappresentati. Che siano colpevoli o vittime del proprio destino, i protagonisti – tutti maschili – delle pellicole sono individui soli, le cui passioni e legami travolgono le loro vite apparentemente equilibrate, facendo di essi esempi significativi di un disagio comune, celato da un ordine civile solo apparente. Quello che offre il regista francese è un ritratto maschile insolito, che cozza con quello virile più comune. I suoi sono uomini fragili, le loro certezze sono messe sempre in discussione o da un passato irrisolto che ritorna (Maldone, Gardiens de phare, Lo strano signor Vittorio) o da un presente spesso incarnato da una donna, che viene a mettere in discussione e in crisi un legame di coppia, amici o amanti che siano (Gueule d’amour, Tempesta, Lumière d’été e Zampe bianche). Ed è proprio la coppia al centro di questi film: rappresentata nella contrapposizione tra la vita privata e quella pubblica, diventa il fulcro di una medesima sorte e di un’infelicità crescente che porta le parti in causa ad allontanarsi una dall’altra, a intraprendere dunque percorsi diversi e solitari. Raramente c’è salvezza o redenzione per loro, ma come ne Il cielo è vostro, la (ri)scoperta di una passione comune può cambiare le sorti, ribaltando le situazioni e facendo ritrovare ai due il piacere di una relazione basata sulla condivisione e sul rispetto reciproco della propria e altrui persona, fondamenta questa di un’ideale vita comunitaria. È proprio in questo film, uno dei più famosi pur se non dei migliori di Grémillon, che si racchiude in maniera evidente la sua visione di società: un spazio civile dove ognuno possa affermare la propria identità, arricchendo con essa il contesto collettivo, a scapito di un isolante individualismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly