adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

F@ck This Job

sabato 9 Aprile, 2022 | di Andrea Moschioni Fioretti
F@ck This Job
Pordenone Docs Fest
0
Voto autore:

In F@ck This Job, la storia di Dozhd TV – L’emittente dell’ottimismo raccontata attraverso i suoi protagonisti, una vicenda che sprona a lottare contro la repressione del potere

Rimanere umani

In questi giorni la Russia di Putin è sulla bocca di tutti, ma il lento e dispotico cammino che ci ha portato ai fatti drammatici di oggi, come spesso accade, era visibile molto tempo prima che arrivasse la tempesta.

La regista Vera Krichevskaya, con F@ck This Job, ci racconta una figura controcorrente che, fin da quando il presidente russo è salito al potere, ha cercato di criticarne le mosse poco “ortodosse”: Natalya Sindeeva, una ricca e ambiziosa giornalista che nel 2008 decide di fondare a Mosca un canale televisivo indipendente Dozhd TVL’emittente dell’ottimismo, poi ribattezzata Rain TV.

F@ck This Job

Grazie alla sua fama, caparbietà e ai soldi, Natasha assolda un gruppo di collaboratori, alcuni inesperti del settore, e rileva una vecchia fabbrica per installare gli studi della sua emittente. Tutto sembra facile, arrivano i primi spettatori e i primi apprezzamenti, però la filosofia iniziale di canale indipendente e libero comincia a vacillare fin da subito. Attraverso interviste ai giornalisti e ai presentatori e l’utilizzo di materiale d’archivio, la regia obiettiva e sincera della Krichevskaya, cofondatrice dell’emittente, non solo ci offre il ritratto di una donna in carriera che non ha paura di nessuno, ma anche la fotografia di una parte della nazione che lotta contro le ingiustizie e in favore della libertà di parola. Non si gioca al commiserare un periodo storico o a rivendicare il ruolo imparziale dei media con stereotipi, ma si racconta un punto di vista sulla lotta sociale che ognuno di noi dovrebbe difendere. I sogni hanno bisogno di braccia e teste per essere alimentati, Natalya ha sempre avuto dalla sua la convinzione che il popolo se organizzato e libero di pensare può sconfiggere anche il peggior usurpatore e minacce, intimidazioni e “piccoli incidenti” non possono che spronare a fare ancora meglio.

Bisogna però essere disposti a sacrificare una parte della propria vita. Tutti a Rain TV hanno contribuito alla causa e ascoltare le loro parole durante il film dimostra che un’altra verità e un altro mondo possono esistere. Si parlava di omosessualità, di violenze, di brogli elettorali, del marcio che il Cremlino cerca(va) di tenere nascosto. Mentre andavano in onda i servizi sulle manifestazioni represse dal governo o sulle azioni belliche delle milizie russe, gli altri canali comunicavano di faccende domestiche, mandavano in onda telefilm, rallegravano il popolo che non deve sapere.

Tutto ciò ha sempre fatto infuriare Natalya, e così, pian piano, anche i “potenti” si sono uniti ai tanti telespettatori e sono arrivati gli avvertimenti, i pedinamenti, la polizia a irrompere negli studi. In un periodo in cui gli omicidi di decine di giornalisti investigativi sono rimasti irrisolti, il canale ha tuttavia continuato a resistere agli attacchi di chi voleva metterlo a tacere e ha creato una piattaforma online – vista la crisi economica e la chiusura degli studi – fino ad arrivare nel 2020 a trasmettere “da casa”.

Oggi Rain TV non esiste più, ma esistono i suoi protagonisti che nonostante tutto hanno ancora voglia di lottare (la Sindeeva ha anche sconfitto un tumore al seno). Conoscere la loro storia dà speranza e sprona a “alzarsi dalla sedia e far accadere le cose” ma, soprattutto a rimane umani e vigili per non finire inghiottiti e lobotomizzati dal sistema.

  • F@ck This Job [id., Gran Bretagna/Germania 2021] 
  • REGIA Vera Krichevskaya
  • SCENEGGIATURA Paulina Ukrainets, Vera Krichevskaya 
  • FOTOGRAFIA Aleksandr Shelaputov, Danny Salkhov 
  • MUSICHE Simon Russell 
  • Documentario, durata 104 minuti

Comments are closed.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly