adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Father – Nulla è come sembra

sabato 24 Luglio, 2021 | di Juri Saitta
The Father – Nulla è come sembra
Festival
0
Facebooktwittermail

Il cinema che entra nella mente
Anthony è un uomo a tratti brillante ma che peggiora con l’avanzare dell’età, soprattutto a causa dell’Alzheimer. Sua figlia Anne, che lo accudisce, ha bisogno dell’aiuto costante di un’infermiera per non essere costretta a farlo ricoverare in una casa di riposo. Peccato che il protagonista tenda a respingere questa idea, ritenendo di essere autonomo e di non aver necessità di alcun sostegno. La situazione, con il passare del tempo, diventa sempre più insostenibile.

Tratto dall’omonima opera teatrale dello stesso Florian Zeller (qui al suo esordio dietro la macchina da presa), The Father – Nulla è come sembra punta a immergere lo spettatore nella mente del protagonista, nella sua percezione confusa del mondo, facendo così coincidere lo sguardo del pubblico con quello del personaggio principale.

Un’idea, quella appena descritta, che non viene realizzata attraverso soggettive, sovrimpressioni o altre soluzioni che dichiarino lo sguardo alterato nel quale siamo immersi, ma, al contrario, tramite uno stile visivo assolutamente sobrio e realista, tanto nella regia quanto nella scenografia e nella fotografia. Sulla stessa linea d’onda vi è anche la narrazione, che rende esplicita la struttura del film in modo molto graduale. All’inizio di diverse scene si pensa di assistere al mondo reale, fino a quando alcuni dialoghi non smentiscono ciò che si è appena visto e ascoltato. Inoltre, alcuni momenti mantengono una certa ambiguità di fondo non rendendo mai davvero palese il confine tra la realtà e l’universo creato dalla mente del protagonista. Tutto ciò crea un effetto straniante ma estremamente efficace, in quanto lo spettatore è costantemente costretto a mettere in discussione ciò che ha appena visto, provando così la stessa confusione e lo stesso smarrimento di Anthony.

Nel portare avanti tale operazione, Florian Zeller ha dichiarato di essersi ispirato a Rosemary’s Baby per le atmosfere e a Mulholland Drive per la struttura narrativa: due riferimenti apparentemente molto lontani dal film in questione, ma che in realtà risultano piuttosto coerenti con lo stile complessivo dell’opera. Della pellicola di Polanski vi è l’inquietudine creata in un’ambientazione costituita soltanto da interni (e alla quale contribuiscono anche le musiche di Ludovico Einaudi), mentre del film di Lynch vi è una narrazione che unisce costantemente delle realtà tra di loro contraddittorie e alternative.

La riuscita del film è dovuta però anche alle intense interpretazioni dei protagonisti, in modo particolare quelle di Anthony Hopkins (vincitore dell’Oscar per il ruolo del padre) e di Olivia Colman nella parte della figlia Anne. In tale direzione, va aggiunto che l’opera in questione – nonostante la sua ossatura portante risieda nella soggettività del protagonista – lascia un certo spazio anche alla figlia, mostrandone la sofferenza e la stanchezza, dovute sia alla preoccupazione per la salute del genitore sia a una serie di sacrifici che non è più in grado di reggere da sola. Su quest’ultimo punto l’autore non fa sconti, in quanto mostra in modo chiaro – e talvolta persino brutale – il senso di oppressione provato da Anne (si pensi alla scena in cui immagina di soffocare il padre).

E in tale direzione, assumono un significato ancora più rilevante le ambientazioni negli interni, che qui hanno anche la funzione di trasmettere il senso di claustrofobia provato dalla donna, costretta a far fronte a una situazione dalla quale non sa come uscire. Tutti elementi che rendono The Father un film non solo interessante sul piano stilistico e narrativo, ma sorprendente per come riesce a immergere lo spettatore nello stato mentale di un uomo e, contemporaneamente, a fargli allargare lo sguardo su un punto di vista diverso e più ampio, quello delle persone che subiscono indirettamente i disagi provocati dalla malattia di un proprio caro.

  • Regia: Florian Zeller
  • Soggetto: dall’opera teatrale Le père di Florian Zeller
  • Sceneggiatura: Christopher Hampton, Florian Zeller
  • Fotografia: Ben Smithard
  • Montaggio: Yorgos Lamprinos
  • Scenografia: Peter Francis
  • Costumi: Anna Mary Scott Robbins
  • Musiche: Ludovico Einaudi
  • Produzione: F comme Film, Trademark Films, Ciné-@
  • Distribuzione: Bim Distribuzione
  • Origine: Gran Bretagna 2020
  • Durata: 97’
  • Premi: Premio Oscar (2021) Oscar per Miglior Attore Protagonista (Anthony Hopkins), Sceneggiatura Non Originale (Christopher Hampton, Florian Zeller); Premio Bafta (2021) Bafta per Miglior Attore Protagonista (Anthony Hopkins), Sceneggiatura Non Originale (Christopher Hampton, Florian Zeller)
  • Interpreti: Anthony Hopkins (Anthony), Olivia Colman (Anne), Mark Gattis (The Man), Olivia Williams (The Woman), Imogen Poots (Laura), Rufus Sewell (Paul), Ayesha Dharker (Dr. Sarai), Roman Zeller (Boy)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly