adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Ricomincio da tre

sabato 24 Luglio, 2021 | di Gabriele Baldaccini
Ricomincio da tre
Festival
0
Facebooktwittermail

Tene ‘o tiempo ‘e piglia’ nu poco d’aria
Gaetano è un po’ impacciato e insicuro, vive con i genitori a San Giorgio a Cremano. Stanco di una vita fatta di routine, decide di trasferirsi dalla zia a Firenze. Una volta arrivato, entra in contatto con personaggi eccentrici e anche un po’ problematici a causa della figura di Frank, un predicatore amico di sua zia, e di Marta, ragazza della quale si innamora. Il rapporto con lei è conflittuale e mette in risalto tutte le debolezze di Gaetano. Quando Marta un giorno gli confessa di aspettare un figlio, ma di non essere certa che lui sia il padre naturale, il giovane va in crisi. Capirà però immediatamente che il suo desiderio è quello di crescerlo con la donna che ama.

La comicità di Massimo Troisi è sempre stata un gioco fatto di equilibrismi tra recita e spontaneità. Era complesso comprendere quando la persona Troisi sostituiva la maschera e quando la maschera prendeva il sopravvento su quella sua naturalezza tipica della vita di tutti i giorni. Il fatto è che Troisi è sempre stato un personaggio unico, nonostante fossero evidenti le fonti che citava continuamente attraverso il suo modo di fare spettacolo (Totò ed Eduardo De Filippo, senza dubbio, quelle più lampanti).

Ricomincio da tre è la prima operazione articolata con la quale l’attore di San Giorgio a Cremano prova a incasellare in una pellicola cinematografica tutta la sua raffinata arte, fatta di ironia sopita e umorismo impacciato. Ciò che ne viene fuori è un film sospeso e delicato, dove il malessere c’è ma è oscurato divinamente da una forza capace di trasportare le intime sofferenze su un piano che risulta essere quasi invisibile. In realtà è la prorompente inadeguatezza di Gaetano a dare una forma a tutto questo, il suo risultare tanto incomprensibile nelle situazioni di poco conto quanto chiaro ed efficace in quelle che invece richiedono grande profondità di intenti.

Questo è messo in risalto in alcuni passaggi repentini, che chiariscono la volontà di Gaetano di stare con i piedi per terra, ma allo stesso tempo di non voler mai compromettere la sua natura di eterno indeciso: quando Marta gli dice delicatamente che “quando c’è l’amore c’è tutto”, lui, con sicurezza invidiabile e inattesa, non può fare a meno di risponderle che “no, chella è ‘a salute!”. Questo bisogno di concretezza, questa ricerca del razionale e dell’elemento chiarificatore – inseguito per sfuggire alle afflizioni prodotte dalle sovrastrutture della psiche umana – si ritrova anche nella geniale torsione prodotta dalle battute che danno il titolo al film. Perché ricominciare da zero? Perché annullare tutto quello che di buono si è prodotto fino a quel punto della propria vita? Ricominciare sì, ma da tre.

Seppur il viaggio a Firenze di Gaetano sia una fuga dal consueto e dal preordinato, non si scappa da tutto ciò che si è potuto ottenere precedentemente. Non è giusto farlo, è quasi un fatto di coscienza. E serve a tenere bene in mente che la vita, alla fine, se osservata ogni tanto anche con un po’ di pragmatismo, può essere degna di essere vissuta con gioia e convinzione.

Troisi prova a dirci che è necessario ribaltare gli stereotipi convincendosi che lo scetticismo e l’affermazione delle proprie idee sono motori per avviare un processo da costruire con ipotesi che sfiorano l’assurdo, ma che combattono sempre contro mentalità retrograde: quando la signora Ida e Robertino sostengono che la rovina dei giovani è cominciata con i capelloni e la minigonna, Gaetano aggiunge “il grammofono”. La signora Ida controbatte: “Il grammofono no”. “No, un poco pure il grammofono”, è la risposta di Gaetano. La sensazione è che si proceda verso il vuoto, verso il ripetersi delle azioni, e che l’amore possa essere un grande ostacolo, però in realtà ogni gesto umano ha una conseguenza che deve essere accettata per poter andare avanti: a Gaetano, alla fine, non importa che il figlio che sta aspettando Marta sia suo o meno. Ciò che conta è una cosa sola: che si faccia tutto il possibile per non complicargli l’esistenza. “’O putimmo chiamma’ Ciro: è cchiù luongo, eh, ma proprio pe’ nunn’ ‘o fa’ veni’ troppo represso… Ciro tene ‘o tiempo ‘e piglia’ nu poco d’aria”.

  • Regia: Massimo Troisi
  • Soggetto: Massimo Troisi
  • Sceneggiatura: Massimo Troisi, Anna Pavignano
  • Fotografia: Sergio D’Offizi
  • Montaggio: Antonio Siciliano
  • Scenografia: Maria Grazia Pera
  • Costumi: Maria Grazia Pera
  • Musiche: Pino Daniele
  • Produzione: Italian International Film, Yarno Cinematografica
  • Distribuzione: Italian International Film
  • Origine: Italia 1981
  • Durata: 108’
  • Premi: David di Donatello (1981) Miglior film, Miglior attore protagonista (Massimo Troisi); Nastro d’argento (1981) Miglior regista esordiente (Massimo Troisi), Migliore produttore (Fulvio Lucisano e Mauro Berardi), Miglior soggetto (Massimo Troisi), Miglior attore esordiente (Massimo Troisi); Globo d’oro (1981) Miglior opera prima (Massimo Troisi), Miglior attore rivelazione (Massimo Troisi); Grolla d’oro (1981) Miglior attore esordiente (Massimo Troisi), Miglior attrice esordiente (Fiorenza Marchegiani); Premio Angelo Rizzoli (1981) Miglior film, Miglior attore (Massimo Troisi); Premio Antonio De Curtis (1981) Miglior regia (Massimo Troisi); Targa Mario Gromo (1981) Miglior attore (Massimo Troisi), Miglior attrice (Fiorenza Marchegiani).
  • Interpreti: Massimo Troisi (Gaetano), Lello Arena (Raffaele Sodano), Fiorenza Marchegiani (Marta), Lino Troisi (Ugo), Marco Messeri (malato mentale), Marina Pagano (zia Antonia), Deddi Savagnone (madre di Gaetano), Vincent Gentile (Frankie), Laura Nucci (Ida), Renato Scarpa (Robertino), Luciano Crovato (Alfredo), Michele Mirabella (autista depresso), Cloris Brosca (Rosaria, sorella di Gaetano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly