adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Noi tre

sabato 24 Luglio, 2021 | di Edoardo Peretti
Noi tre
Festival
0
Facebooktwittermail

L’ordinario nello straordinario
Nel 1770 il quattordicenne Wolfgang Amadeus Mozart compie insieme al padre un viaggio a Bologna, dove dovrà sostenere un esame all’Accademia dei Filarmonici. I Mozart verranno ospitati dal conte Pallavicini, amico del padre, nella sua villa appena fuori città. Il giovane musicista vivrà in quei giorni, attendendo l’esame decisivo per la sua carriera, i sommovimenti interiori, le sensazioni e la curiosità tipiche di ogni adolescente, legandosi al figlio del suo ospite e vivendo il primo amore; sensazioni appena adombrate dalla consapevolezza del suo talento che lo rende in qualche modo “diverso”.

Il delicato ed emozionante Noi tre segna in qualche modo, insieme al precedente Una gita scolastica, una certa cesura nel cinema di Pupi Avati. Nella prima parte degli anni Ottanta, l’autore bolognese accantonò l’approccio irriverente, poco convenzionale e spesso grottesco di commedie sopra le righe come Bordella (1976) e La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone (1975) o dei terrigni horror “padani” La casa dalle finestre che ridono (1976) e Zeder (1983).

Potrebbe essere interessante approfondire quanto questo mutamento fosse legato al più generale passaggio dall’impegno collettivo e dalla cultura “altra” del decennio precedente al riflusso nel privato e a forme di racconto complessivamente più tradizionali. Il suo cinema, infatti, iniziava a trovare linfa nell’approccio più intimista, minimale e delicato di commedie amare e di racconti elegiaci, incentrati soprattutto sulle reazioni e sui sommovimenti interiori di personaggi alle prese o con la crescita e le varie tappe della vita, o ancora con l’evolversi della Storia colto nei suoi effetti sulla quotidianità e sulle sue abitudini. Elemento, quest’ultimo, che diventerà sempre più centrale e decisivo nella poetica del regista (La via degli angeli, per citare uno dei titoli più interessanti), come notava Sergio Reggiani quando a proposito di Storia di ragazzi e di ragazze (1989) scrisse – cogliendo alla perfezione il punto che le accuse di eccessivo minimalismo non coglievano – come Avati in quel film avesse compiuto “il passo decisivo verso la storia, verso quel punto, cioè, in cui anche i baci e le focacce diventano storia”.

Se film come Regalo di Natale (1986) o Ultimo minuto (1988) avranno un approccio e uno sguardo sulla società duri e disincantati, quasi un’eredità della più tipica commedia all’italiana, il cinema di Avati nel complesso maturava sempre più lo sguardo dell’osservatore gentile tanto quanto acuto, distaccato quanto empatico, riflettendo le atmosfere che, per esempio, in letteratura hanno caratterizzato le poesie e le novelle di Guido Gozzano, non per ultimo per l’attenzione alle “piccole cose” – non necessariamente di cattivo gusto – e alle testimonianze o rimembranze del passato più quotidiano e meno ufficiale. In qualche modo, tutto questo riecheggia in Noi tre. Il film, nella sua delicatezza malinconica, è quindi una tappa essenziale, un’opera emblematica di molti aspetti dell’allora nuova poetica avatiana che si stava consolidando. C’è anche il rapporto sanguigno col territorio emiliano, che man mano diventerà sempre più personaggio, colto nei suoi “tipi” e nei suoi “segni”, che fossero rimembranze del passato o immuni al tempo che scorre e muta. C’è l’eleganza stilistica che fa parlare la fotografia, le musiche e le scenografie senza cadere nella trappola della ricostruzione raffinata, fredda e inerme. C’è soprattutto la capacità di raccontare sentimenti, interiorità e stati d’animo con efficace leggerezza e gentilezza dolceamara, malinconica . Probabilmente la poetica avatiana raggiungerà risultati in assoluto migliori e più centrati negli anni successivi, ma Noi tre funziona per la delicatezza con cui riesce ad emozionare lo spettatore raccontando un personaggio straordinario alle prese con stati d’animo e sentimenti assolutamente comuni.

  • Regia: Pupi Avati
  • Soggetto: Antonio Avati, Pupi Avati
  • Sceneggiatura: Antonio Avati, Pupi Avati
  • Fotografia: Pasquale Rachini
  • Montaggio: Amedeo Salfa Nascondi
  • Scenografia: Giancarlo Basili, Leonardo Scarpa
  • Costumi: Alberto Spiazzi
  • Musiche: Riz Ortolani
  • Produzione: Duea Film, Istituto Luce, Rai 1
  • Distribuzione: Istituto Luce – Italnoleggio Cinematografico
  • Origine: Italia 1984
  • Durata: 88’
  • Protagonista: Christopher Davidson(Wolfang Amadeus Mozart)
  • Interpreti: Dario Parisini (Giuseppe Pallavicino), Barbara Rebeschini (Antonia Leda), Carlo Delle Piane (Conte Pallavicino), Lino Capolicchio (Leopoldo Mozart), Gianni Cavina (il cugino), Carlo Schincaglia (Maggiordomo), Ida di Benedetto (Maria Caterina Pallavicino), Guido Pizzirani (Padre Martini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly