adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Regalo di Natale

sabato 24 Luglio, 2021 | di Francesco Grieco
Regalo di Natale
Festival
0
Facebooktwittermail

Il passato ci prova, sta giocando una carta impossibile
Notte di Natale. S’incontrano a Bologna per una partita a poker quattro amici di vecchia data e un pollo da spennare: l’industriale Santelia. Gabriele è un vicecritico cinematografico che vuole scrivere un libro su John Ford. Stefano un personal trainer che si è scoperto gay. Il presentatore tv Ugo e l’esercente cinematografico Franco, trasferitosi a Milano, non si parlano da quando il primo ha sedotto la moglie del secondo, Martina. Al tavolo da gioco, la partita non va come ci si aspetta.

La partita a carte scandisce il ritmo del film per gran parte della sua durata, ma è evidente come si tratti prevalentemente di un pretesto per mettere in luce e far emergere le psicologie dei personaggi. Sia chiaro, il gioco d’azzardo, e con esso l’emozione di rischiare tutti i risparmi di una vita per il brivido della vittoria, sono elementi fondamentali in Regalo di Natale, eppure il film, almeno per gli spettatori non abituati a passare le notti giocando a poker, è principalmente una grande commedia drammatica sull’amicizia virile, e allo stesso tempo una fotografia precisa e pessimistica dell’Italia anni Ottanta.

Questi due aspetti si fondono mirabilmente in un film a basso budget, girato con la solita regia trasparente e classica di Avati quasi tutto in interni, in cui risultano memorabili i primi piani e gli sguardi degli attori in stato di grazia, come i premiati Carlo Delle Piane e Diego Abatantuono, al primo vero ruolo non comico della sua carriera. Nel ricco cast, il Gabriele di Alessandro Haber, teso come una corda di violino, è un critico cinematografico frustrato, l’imprevedibile elemento emotivo di disturbo, al tavolo di scafati e freddi giocatori. L’Ugo di Gianni Cavina invece è l’antagonista del film, responsabile del tradimento dell’amicizia con Franco, di cui ha sedotto la moglie, Martina. Ugo è un Giuda che vende Franco al baro Santelia per ben più di trenta denari, Franco così si ritrova senza la donna e senza il denaro, proprio come il Walter Neff della Fiamma del peccato, citato da Gabriele in una telefonata al giornale. Franco risorgerà dopo diciassette anni nel bel seguito del film, La rivincita di Natale (2004).

Le scene in cui Ugo e Franco si confrontano, dialogano, con il primo che sembra voler fare pace dopo tanti anni, sono tra i momenti più riusciti di Regalo di Natale. Il finale, amarissimo, tra i più spietati del cinema di Avati, oltre che rovesciare il tradizionale dominio della grande città – rappresentata da Franco, ormai milanese da molti anni – sulla provincia, e dell’imprenditoria rampante sulla piccola borghesia a cui appartiene Ugo, sancisce inoltre l’impossibilità dell’amicizia come legame duraturo, un sentimento desueto come le foto in bianco e nero sui titoli di testa. E se nel personaggio di Haber si riflette già la crisi di un mestiere, quello del critico cinematografico, più volte dato per morto, in quello di Cavina, presentatore di televendite per una rete locale, viene impersonata l’illusione di facile successo che ha portato alla rovina molte meteore del piccolo schermo. Film al maschile come pochi, Regalo di Natale è puntellato da frequenti flashback che hanno al centro delle inquadrature Martina, contesa tra Franco e Ugo.

Nelle analessi, che ricostruiscono le fasi della storia d’amore di Martina con Franco e il successivo incontro con Ugo, i due uomini sono sempre fuori campo, ne ascoltiamo solo le voci. Si tratta delle ricostruzioni e dei ricordi personali di Franco, nostalgici, pieni di rimpianto, annebbiati come il suo sguardo, una sorta di semisoggettiva flou. Sono visioni del terzo occhio? Martina le domina, presenza epifanica, della stessa sostanza dei sogni. Non riescono a (ri)conoscere la donna né l’avvocato Santelia, che la scambia per una prostituta nelle scene iniziali del film, né Franco nel finale, accecato dalla sconfitta. Solo a Gabriele è concesso di “vederla”, mentre fa il check-in nell’hotel insieme al suo amante. Privilegi da fordiano.           

  • Regia: Pupi Avati
  • Soggetto: Pupi Avati
  • Sceneggiatura: Pupi Avati
  • Fotografia: Pasquale Rachini
  • Montaggio: Amedeo Salfa
  • Scenografia: Giuseppe Pirrotta
  • Costumi: Maria Teresa Venturini, Raffaele Curi
  • Musiche: Riz Ortolani.
  • Produzione: Duea Film, DMV
  • Distribuzione: Rai Radiotelevisione Italiana, DMV – Avo Film
  • Origine: Italia 1986
  • Durata: 101′
  • Premi: Mostra del cinema di Venezia (1986) Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile (Carlo Delle Piane); David di Donatello (1987) Miglior fonico di presa diretta (Raffaele De Luca), Migliore canzone (Riz Ortolani); Ciak d’oro (1987) Miglior sonoro in presa diretta (Raffaele De Luca); Nastro d’argento (1987) Miglior attore non protagonista (Diego Abatantuono)
  • Interpreti: Diego Abatantuono (Franco Mattioli), Carlo Delle Piane (Antonio Santelia), Gianni Cavina (Ugo Bondi), Alessandro Haber (Gabriele Bagnoli), George Eastman (Stefano Bertoni), Kristina Sevieri (Martina), Gianna Piaz (Adriana), Ferdinando Orlandi (assistente editore)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly