adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Carnet di ballo

sabato 24 Luglio, 2021 | di Emanuele Rauco
Carnet di ballo
Festival
0
Facebooktwittermail

Ballando con molti sconosciuti
Rimasta sola e vedova nella sua villa sul lago di Como, Madame Christine Sugere ritrova un carnet di ballo di sedici anni prima. Presa dalle spire dei ricordi e della nostalgia, comincia a rintracciare i compagni di quella notte indimenticabile per scoprire che fine abbiano fatto, ma nessuno è all’altezza della memoria e, tra persone scomparse, identità camuffate per sfuggire alla legge, vecchi amici caduti in disgrazia, Christine sarà costretta a fare i conti con la fragilità del presente al confronto del passato.

Se Mark Zuckerberg avesse visto Carnet di ballo, forse non avrebbe creato Facebook. Perché il film di Julien Duvivier si muove sullo stesso crinale che 70 anni dopo portò alla creazione del social network, ovvero andare a scavare nel proprio passato e in quello degli altri per provare a riportarlo in vita, dando vita a una sottile danza della morte.

Fin dall’inizio, sul lago di Como, con i servitori di Madame Christine che parlano italiano in un ambiente quasi spettrale, come fossero figure di un racconto gotico, Duvivier pone il suo film sotto un segno funebre, ora più esplicito, ora più sfumato, come se tutto il racconto fosse quello di una passeggiata tra i fantasmi, un girotondo intorno a ciò che resta dei vivi e dei morti, senza che nulla sia riconducibile a una visione naturalista del cinema, inscritta nel realismo poetico della Francia degli anni ’30 e capace di influenzare i cineasti di molti anni dopo, nonostante gli strali che i giovani critici francesi dei Cahiers du cinéma lanciarono contro il regista. Prendiamo Alain Resnais per esempio (o in chiave ancora più radicale Marguerite Duras): Hiroshima mon amour o L’anno scorso a Marienbad non sarebbero ciò che sono, ovvero testi fondanti un’idea di cinema come riflessione formale d’avanguardia su tempo e memoria, se 30 anni prima Duvivier non avesse testato una serie di stilemi divenuti poi centrali per la messinscena cerebrale di Resnais.

L’uso dei movimenti di macchina (soprattutto le carrellate laterali e le panoramiche), il ralenti, la dissolvenza e il montaggio non descrivono l’azione e non seguono soltanto i personaggi, ma costruiscono una dimensione atmosferica in cui il passato e il presente perdono i confini, la cui soluzione di continuità è dissolta fino a sparire. C’è una sequenza ideale per capire la portata e l’importanza di Carnet di ballo dal punto di vista estetico e stilistico, poco prima della fine: Madame Christine ha trovato Fabien che ora è diventato un affermato parrucchiere di un piccolo centro. L’uomo è famoso, come lo era all’epoca del ballo, per dei giochi di prestigio con le carte e ne fa uno anche alla donna, le carte gli cadono di mano e rivelano il trucco. Lo stacco seguente porta la coppia al ballo comunale della cittadina, per l’uomo “niente è cambiato”, mentre la donna sembra sospesa tra il ricordo del passato che sembra rivivere e il presente degradato: Duvivier sottolinea questa dimensione incerta usando le immagini in modo “modernista”, senza ricorrere a trucchi ottici ma usando la grammatica per cambiare di segno alla realtà. Il “cinema di papà” quindi, a dispetto della sontuosità formale che gli veniva imputata, insegna qualcosa ai figli ribelli delle nouvelle vague.

Ma Carnet di ballo è moderno fin dalla sua struttura seriale, in cui ogni segmento sembra raccontare uno spaccato diverso della Francia di fine anni ’30 e lo descrive con uno stile differente, come se il viaggio dentro le anime di una nazione coincidesse con quello dentro il suo spettacolo, la sua capacità di rappresentazione: dal melodramma patetico alla farsa, dal nero alla commedia, ogni incontro ha il suo tono, le sue inquadrature, il suo ritmo specifico, le sue scelte. Perché in questo film che si confronta con le identità negate, perdute, rimosse o cambiate dei suoi personaggi, anche l’identità cangiante di un paese sembra sfrangiata e svanita. Nei ricordi è intatta, ma di fatto è solo l’ombra di una festa stagliata sul muro.

  • Regia: Julien Duvivier
  • Soggetto: Julien Duvivier, Henri Jeanson, Yves Mirande, Jean Sarment, Pierre Wolff e Bernard Zimmer
  • Sceneggiatura: Julien Duvivier, Henri Jeanson, Yves Mirande, Jean Sarment, Pierre Wolff e Bernard Zimmer
  • Fotografia: Philippe Agostini, Michel Kelber e Pierre Levent
  • Montaggio: André Versein
  • Musiche: Maurice Jaubert
  • Scenografia: Paul Colin e Serge Piménoff
  • Produzione: Sigma
  • Distribuzione: Colosseum
  • Origine: Francia, 1937
  • Titolo originale: Un carnet de bal
  • Durata: 144’
  • Premi: Mostra d’arte cinematografica di Venezia (1938) Coppa Mussolini al miglior film straniero
  • Interpreti: Marie Bell (Christine Sugere), Harry Baur (Alain Regnault), Pierre Blanchar (Thierry Raynal), Fernandel (Fabien), Louis Jouvet (Jo/Pierre Verdier), Robert Lynen (Jacques Audié), Raimu (François Patusset)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly