adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il lamento sul sentiero

domenica 29 Luglio, 2012 | di Lapo Gresleri
Il lamento sul sentiero
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura Cinematografica, Gorizia, 19-28 luglio 2012

Il fascino arcaico dell’India
Quando realizza Il lamento sul sentiero, Satyajit Ray ha da poco superato i trent’anni. E non avrebbe certo immaginato che la sua opera prima sarebbe diventata un pietra miliare del cinema mondiale, nonché spartiacque per la cinematografia indiana, che il regista – divenutone di lì a poco il più importante esponente – sdogana dal circuito locale, portando all’attenzione internazionale la realtà della sua Nazione, fino ad allora conosciuta solo tramite il filtro culturale occidentale e in particolare quello europeo.

Vincitore di svariati premi e riconoscimenti – tra cui il Premio per il Documento Umano e il Premio OCIC al Festival di Cannes del 1956 – il film, ottenuto un grande successo in patria, diventa il primo capitolo di una trilogia incentrata sul giovane Apu, figlio di una famiglia povera in un Paese povero, e sul suo lento riscatto sociale attraverso lo studio e la formazione universitaria, che il regista racconta nei successivi L’invitto e Il mondo di Apu, tratti – come il precedente – dagli omonimi romanzi di Bibhutibhusan Banerjee, qui anche co-sceneggiatore con l’autore della pellicola.
Girato in estrema economia, con attori non professionisti, Il lamento sul sentiero mostra chiaramente i segni dell’influenza neorealista e in particolare del cinema di De Sica per lo sguardo amorevole e discreto che Ray rivolge ai suoi personaggi e in particolare ad Apu, vero filtro attraverso cui osservare un ambiente in mutazione come quello indiano a lui contemporaneo. L’innocenza infantile diventa così, proprio come per il regista de I bambini ci guardano e Ladri di biciclette, l’atteggiamento con cui porsi nei confronti del rinnovamento in atto. Ma se in Italia e in Europa, la società è stata rapidamente stravolta dal boom economico, in India – come testimoniano anche i successivi India di Rossellini e L’odore dell’India di Pasolini – la tradizione arcaica non si è mai estinta, proseguendo la sua esistenza al fianco di più attuali innovazioni, in un affascinante connubio di antico e moderno che è l’intrinseca essenza della cultura indiana.
Così nel film al quasi ipnotico ritmo di sitar si susseguono, senza un particolare ordine cronologico, i piccoli episodi di vita quotidiana che compongono la struttura narrativa della pellicola; immagini dissonanti con quelle di altre cinematografie, apparentemente così lontane nel tempo, eppure coeve al periodo di grande sviluppo economico occidentale. Lontane come paiono i costumi, le usanze, i luoghi e i volti registrati dalla macchina da presa con dovizia quasi documentario-antropologica, che rende lo spettatore una sorta di bambino a sua volta, che si affaccia su una dimensione nuova con curiosità e attrazione, esattamente come fa il piccolo protagonista, spiando dal visore di una sorta di Kaiserpanorama le vedute di capitali europee. Questa breve inquadratura diventa l’emblema del film stesso e della concezione del mezzo cinematografico come finestra su un mondo “altro”, pronta ad aprirsi a chiunque voglia avvicinarsi a una realtà sconosciuta e lasciarsi affascinare da essa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly