adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Porcile

martedì 4 Settembre, 2012 | di Lapo Gresleri
Porcile
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Speciale 69° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

VENEZIA CLASSICI
L’apparato digerente della società
“La società – ogni società – divora sia i figli disobbedienti che i figli né disobbedienti né obbedienti: i figli devono essere obbedienti e basta” (Pasolini). Dopo l’analisi della fragilità e del vuoto interiore della nuova borghesia italiana con Teorema, Pasolini guarda al sistema neocapitalistico e consumistico del ’68, definendolo un Porcile.

In un passato imprecisato, un eremita cannibale e i suoi seguaci vagano in cerca di viandanti di cui cibarsi; catturati a loro volta sono processati e condannati. Nella Germania degli anni Sessanta, un giovane di nobile famiglia cela a tutti la propria zooerastia, finché il suo segreto non diviene il motivo di un ricatto a danno del padre da parte di un concorrente industriale. Divorato dal suo stesso amore, del ragazzo non resta nulla, soffiato via dalla cinica intimazione dell’industriale a tacere dell’accaduto al genitore.
Le due vicende, narrate attraverso un montaggio parallelo, non sono che due facce della stessa medaglia, simboli, in passato come nel presente, di un opposizione solitaria ai dettami sociali. Pasolini, in pieno clima rivoluzionario, sostiene che la ribellione e la trasgressione fini a se stesse non servono: se alla base non vi è un atto cosciente e rivolto agli altri, tutto può esaurirsi nel gesto in sé e per questo essere perfettamente assimilabile e superabile. Così il cannibale che, al momento della condanna, professa la propria fede confessando il suo peccato, scintilla della sua ribellione – che annienta, divorando, ciò che combatte – contro la società, cannibalesca essa stessa, che punisce i figli disobbedienti, lasciandoli divorare da cani selvatici. Il giovane tedesco, invece, chiuso nel suo mistero, si isola dal mondo, facendosi inerte vittima del potere che lo vorrebbe integrare e che lui stesso rifiuta.
È proprio il potere – incarnato dai giudici-aguzzini e dell’industriale rivale – il secondo tema di Porcile. Un potere simbolo della società che rappresenta, sempre e comunque cinico e spietato, che non accetta opposizioni di alcun tipo, pena l’essere annientati. L’infinita capacità di fagocitare e digerire della collettività, diventa così pratica comune, segno di una falsa ricerca di benessere, volta esclusivamente al materialismo più edonistico.
L’umanesimo pasoliniano offre però una risposta alla tragicità della realtà, attraverso il personaggio di Maracchione, unico trait-d’union tra i due episodi. Questo contadino, testimone involontario degli eventi, capace di stupirsi e commuoversi per quello a cui assiste – grazie a una propria e ancora intatta purezza interiore – diventa così per il regista un “esempio di umile indipendenza”, segno della capacità di conservazione del senso del reale di quell’“uomo possibile” che Pasolini identifica ancora negli emarginati e, in particolare, nelle popolazioni terzomondiste, come già aveva espresso in Appunti per un film sull’India e ribadirà con maggior forza in Appunti per un’Orestiade africana.
Con Porcile Pasolini inaugura l’ultima fase della sua produzione, incentrata sulla ricerca sempre più disperata di un’umanità ancora intatta e non intaccata dalla mentalità consumistica. Una ricerca che lo porterà a un’indagine a ritroso nella purezza arcaica del passato (la Trilogia della vita) e a una critica sempre più aspra verso la società contemporanea (Scritti corsari, Lettere luterane), fino al rifiuto totale di questa e delle sue pratiche con Salò o le 120 giornate di Sodoma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly