adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Les Invisibles

mercoledì 7 Novembre, 2012 | di Giulia Zen
Les Invisibles
Festival
0
Facebooktwittermail

Gender Bender Festival, 27 ottobre – 3 novembre, Bologna

Pris de conscience
E’ davvero un mondo invisibile quello che si respira nell’ultima opera di Sébastien Lifshitz: memorie ancora limpide grazie a profumi, mattoni, carta, cellulosa, ancor più limpide (paradossalmente) con il passare del tempo.

Presentato fuori concorso all’ultimo festival di Cannes e in anteprima nazionale alla decima edizione del Gender Bender, rassegna internazionale bolognese sulle nuove identità sessuali, Les invisibles stravolge il concetto di “omosessualità”, portando alla luce ciò che ancora oggi viene coperto – quasi morbosamente – da un’aura di mistero. E se tutto ciò avviene nel Nuovo Millennio, epoca in cui questo status è conosciuto e (a volte) anche accettato, cosa accadeva negli anni Cinquanta, Sessanta, Settanta, quando anche solo la nomea risultava uno scandalo? Il cineasta scalcia i tabù e concede la telecamera ai protagonisti, offrendo loro ciò che gli è stato sempre sottratto: un’identità.Les_Invisibles_2 Ecco che allora Pierrot, Babeth, Monique, Bernard, Thérèse, e molti altri, aprono le porte del loro vissuto, raccontando chi la paura, chi l’apatia, chi l’incomprensione, chi la lotta sociale. Ognuno con un modus vivendi diverso: c’è il ragazzino che apprende la propria identità sessuale in età adolescenziale e c’è la moglie e madre a cui la rivelazione fa capolino a cinquant’anni; c’è chi si rinchiude in un matrimonio infelice e chi si unisce alle lotte femministe sessantottine; infine c’è chi si ritrova solo e chi invece si è ritirato in campagna con il proprio amore. In particolare, tra tutti, risalta il personaggio di Babeth, donna forte e determinata, che rivisita in toto la concezione di “normalità”, in stile “Non è bello ciò che è bello, ma è bello ciò che piace”. Non così scontato.
Allontanandosi da una possibile complessità (e banalità) narrativa, Lifshitz sceglie la forma documentario, affinché ognuno dei protagonisti diventi il regista stesso della propria storia. È una delle tante magie del mezzo cinema.

Les invisibles [Id., Francia 2012] REGIA Sébastien Lifshitz
CAST Yann, Pierre, Bernard, Jacques, Pierrot, Thérèse, Christian, Catherine, Elisabeth, Monique, Jacques
SCENEGGIATURA Sébastien Lifshitz. FOTOGRAFIA Antoine Parouty.
Documentario, durata 115 minuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly