adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Incontro con Daniele Coluccini e Michele Botrugno

lunedì 22 Luglio, 2013 | di Paola Gianderico
Incontro con Daniele Coluccini e Michele Botrugno
Festival
0
Facebooktwittermail

XXXII Premio Internazionale alla Miglior Sceneggiatura Cinematografica “Sergio Amidei”, Gorizia 19 – 25 luglio 2013

Periferie globali
Daniele Coluccini e Michele Botrugno, ospiti nella seconda giornata del XXXII Premio Sergio Amidei con Et in terra pax, sono una coppia di giovani autori promettenti del panorama cinematografico indipendente, penalizzati come di consueto per tutto ciò che di stimolante fuoriesce dal mucchio, dai pesanti blocchi della distribuzione italiana.

Uniti in un sodalizio cominciato in fasce all’età di 5 anni, hanno sempre espresso con grande versatilità, spaziando dal cortometraggio al videoclip, lavori ispirati a una ricerca formale, stilistica e linguistica, che fortunatamente ha trovato sbocco nei circuiti festivalieri di mezzo mondo, destando l’attenzione di Germania, Russia, Turchia, fino a raggiungere Argentina e Giappone.mediacritica_incontro_con_botrugno_coluccini Purtroppo, spesso accade che esportare all’estero realtà riguardanti il proprio Paese sotto forma di “cattiva pubblicità”, divenga dalle nostre parti oggetto di omertose battaglie campanilistiche e diffamazioni sul mezzo stampa – vedasi quanto accaduto per Gomorra – causando l’arenarsi di una carriera appena avviata e il rimando dei progetti successivi. Titolare “Roma violenta” o “Droga Corviale” (riferito al quartiere di ambientazione), su diverse testate nazionali, oltre a spostare il centro del mirino dal messaggio che i due autori intendevano divulgare, ha contribuito a far sì che Et in terra pax (uscito nel 2010), restasse il primo e ultimo dei loro lungometraggi. La storia fotografa drammaticamente l’imborghesimento dei borgatari, eredi di quella Mamma Roma pasoliniana ormai scomparsa per sempre. Nelle periferie contaminate dalla modernità non si pensa più alla fame, ma si rincorre una ricchezza materiale da ostentare attraverso abiti griffati e aggeggi ipertecnologici. Garrone la immortalava a Napoli, Ciprì con È stato il figlio a Palermo, utilizzando lo slittamento temporale come allusione ai giorni nostri. Qui effettivamente respiriamo l’aria peggiore della capitale, ma limitarsi per tutte queste pellicole a un discorso geolocalizzato e ad una riflessione sui pericoli della microcriminalità territoriale, è quanto di più fuorviante e sminuente possa esserci. Nell’incontro tenutosi ieri, Coluccini e Botrugno hanno ribadito l’intenzione di volere uscire da uno specifico contesto usato da esempio, per riferirsi alle periferie mondiali figlie della cultura televisiva e nuclei maggiormente rappresentativi di una trasformazione sociale globale, che la presenza di monumenti nei centri cittadini vorrebbe nascondere o diversificare. “In ogni paese in cui è stato presentato il film, il pubblico ha riconosciuto la propria metropoli”. Città stampate su cartolina con calamite turistiche diverse, sono unite nei confini dallo stesso destino. Un destino condizionato non dal reale bisogno di soldi, bensì “dalla tendenza a volere raggiungere ad ogni costo uno status di benessere esteriore, che possa farti apparire glamour ed etichettarti come non sei”. Coluccini e Botrugno infine, oltre a raccontare il sorprendente interesse manifestato per l’argomento dai ragazzi nelle scuole, hanno esposto i dati di quella grande famiglia in cui in modo esclusivo certa critica giornalistica preferirebbe lavare i panni. Nella sola settimana di programmazione romana, la percentuale di spettatori registrata ha superato la programmazione di Una notte da leoni 2, a dimostrazione che, malgrado ci si ostini ancora a sostenere il contrario, in Italia l’interesse per la commedia è scemato; o comunque ciò è un’ulteriore riprova che il successo totalitario del genere raccolto nell’ultimo decennio, derivasse principalmente dalla mancanza di alternative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly