adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

El cosmonauta

lunedì 28 Ottobre, 2013 | di Martina Bigotto
El cosmonauta
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Festival del Cinema Latino Americano, 19-27 ottobre 2013, Trieste

La Spagna e la nuova frontiera della produzione cinematografica
Mentre la XXVIII° edizione del Festival del cinema latinoamericano si avvia verso l’attesa proclamazione dei vincitori, vale la pena soffermarsi sul Salon España, nutrita sezione fuori concorso dove quest’anno spicca El cosmonauta, uno dei primi curiosi progetti cinematografici di crowdfunding – ossia scritto, prodotto e finanziato in modo innovativo grazie al supporto di più di 5000 persone che hanno aderito all’appello del regista – a essere riuscito non solo a vedere la luce ma soprattutto a disporre di un lancio internazionale in contemporanea e a sbarcare poi in rete con la licenza creative commons.

Ispirato alle dichiarazioni dei radioamatori italiani, che nel corso degli anni Sessanta avrebbero intercettato delle trasmissioni provenienti da astronavi russe, e al nutrito corollario di indiscrezioni su possibili missioni spaziali segrete durante il periodo della guerra fredda, il film ci riporta agli anni della corsa per il predominio dello spazio.mediacritica_el_cosmonauta Stas e Andrei condividono fin da piccoli il sogno di diventare astronauti: ma l’incontro con la bella Yulia, l’intricata situazione politico-militare e il fallimento della missione lunare a cui partecipano riescono a dividere i due amici di lunga data.
Nonostante le peculiarità – specialmente in materia di produzione – finora descritte, il rischio in agguato per quest’opera è quello di cadere repentinamente nel dimenticatoio: la levatura artistica e il potenziale espressivo immediatamente percepiti dallo spettatore nei suoi primi dieci minuti, e che sembrano precludere a un crescendo d’intensità narrativa e di coinvolgimento da parte del pubblico, purtroppo finiscono poi per scemare man mano che il senso della vicenda continua a farsi sempre più fosco. Complice forse il fatto che l’idea che sta alla base della sceneggiatura dell’odierno lungometraggio ab origine era stata delineata per un corto, o l’indugiare eccessivo dell’obiettivo della cinepresa sugli elementi architettonici e naturali (seppur capace, Alcalá purtroppo non è Malick!) o ai continui flashback, volutamente chiamati in causa per amplificare il senso di mistero che aleggia intorno alla missione spaziale: di fatto dopo le buone premesse iniziali il ritmo della narrazione rallenta così tanto che finisce non solo per depistare più del dovuto lo spettatore ma lo spinge addirittura a meditare sul perché stia continuando a guardare un film così palesemente disomogeneo e scoordinato. Eppure, non siamo in presenza della classica proverbiale occasione d’oro completamente sprecata poiché se l’incipit riesce a coinvolgere sufficientemente lo spettatore da indurlo a curiosare sul sito ufficiale del film, questi allora troverà pane per i suoi denti: una trentina di episodi, inizialmente pensati come mera autopromozione finanziaria, che sebbene privi di dialogo si rivelano un’eccezionale miniera di particolari inediti, punti di vista alternativi e persino riprese di per sé molto più esplicative e migliori di quelle incluse nel montaggio finale. Una missione non completamente fallita se si pensa che tra gli obiettivi affidati alla Settima Arte non c’è solo l’intrattenimento ma pure l’instillare conoscenza o anche solo incuriosire sulle tematiche trattate.

El cosmonauta [id., Russia/Spagna, 2013] REGIA Nicolás Alcalá.
CAST Katrine De Candole, Max Wrottesley, Leon Ockenden.
SCENEGGIATURA Nicolás Alcalá. FOTOGRAFIA Luis Enrique Carrión e Pablo Clemente. MUSICHE Joan Valent.
Fantascienza/Drammatico, Durata 99′.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly