adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

El abrazo de la serpiente

mercoledì 16 Marzo, 2016 | di Francesco Grieco
El abrazo de la serpiente
Festival
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

34° Bergamo Film Meeting, dal 5 al 13 marzo 2016, Bergamo

I due mondi
È il bianco e nero dai forti contrasti la caratteristica più affascinante di El abrazo de la serpiente, film di Ciro Guerra presentato a Cannes nel 2015 che però non è solo una gioia per gli occhi, ma anche uno spaccato della complessa convivenza tra occidentali e autoctoni, e tra i diversi gruppi di abitanti, nell’area della foresta amazzonica.

Il colombiano Guerra, classe 1981, al terzo lungometraggio dimostra già una grande maturità, nell’adattare al mezzo cinematografico i diari di viaggio di due esploratori, Theodor Koch-Grünberg e Richard Evans Schultes (qui chiamato Evan), che in periodi diversi si sono inoltrati in territori selvaggi, mediacritica_el_abrazo_de_la_serpiente_290guidati dallo stesso indio guaritore, l’eremita cohiuano Karamakate. Entrambi gli avventurieri cercavano la yakruna, una pianta rara, dalle proprietà miracolose. Il primo ne aveva bisogno per guarire da una grave malattia, il secondo, dopo aver letto i diari di Koch-Grünberg, pubblicati in Germania, per studiarla in quanto botanico. Dunque, con i suoni della natura sempre in sottofondo, la struttura narrativa del film alterna, al montaggio, due diverse epoche, lontane quarant’anni, e permette così di osservare i cambiamenti avvenuti in Karamakate nel corso dei decenni. L’andirivieni temporale stabilisce anche un parallelismo tra i barbuti Theo ed Evan, tutti e due in difficoltà nell’adattarsi alla natura misteriosa e ostile del luogo. L’anziano Karamakate dice proprio a Evan “Sei due uomini”, mentre dichiara di sentirsi un “chullachaqui”, un doppio, vuoto e senza più ricordi, finché a un certo punto non gli torna la memoria. In più di un’occasione, emerge il disprezzo di Karamakate nei confronti della cultura occidentale, troppo violenta e mortuaria. Karamakate, infatti, invita entrambi gli uomini a cui fa da guida a liberarsi, fisicamente e metaforicamente, dei propri bagagli durante il viaggio. E apostrofa Theo con queste parole: “Sei tu il serpente, che porta la morte”. Il conflitto tra i due mondi viene esplicitato, in particolare, nella sequenza ambientata a Vaupés, presso la missione cristiana, dove il frate maltratta i bambini sottratti alle famiglie degli indios. Quando Karamakate vi fa ritorno, stavolta con Evan, in alcune tra le scene più visionarie del film (il ralenti dell’orgia, psichedelica almeno quanto le uniche immagini a colori, di forme astratte, come nel trip di 2001, verso il finale), riconosce la targa di Reyes e scopre che i bimbi, ormai adulti, passano il tempo ad autoflagellarsi e a venerare una sorta di incrocio tra Kurtz e Gesù, ovviamente bianco. “Adesso questi uomini sono il peggio di entrambi i mondi”, esclama sconsolato Karamakate.

El abrazo de la serpiente [Id., Colombia/Venezuela/Argentina 2015] REGIA Ciro Guerra.
CAST Nilbio Torres, Jan Bijvoet, Antonio Bolivar, Brionne Davis, Yauenkü Migue.
SCENEGGIATURA Ciro Guerra, Jacques Toulemonde Vidal (dai diari di Theodor Koch-Grünberg e Richard Evans Schultes). FOTOGRAFIA David Gallego. MUSICHE Nascuy Linares.
Drammatico/Storico, durata 125 minuti.

One Comment

  1. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2016 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly