adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

The Net

sabato 1 aprile, 2017 | di Michele Galardini
The Net
Festival
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

15° Florence Korea Film Fest – Festival of Korean Cinema in Italy, 23 – 31 marzo 2017, Firenze

The (social) Net(work)
A causa di un’avaria al motore della barca il pescatore Nam Chul-woo varca il confine fra le due Coree e si ritrova a Seoul. Fedele alla patria, prova in tutti i modi a non cedere alle lusinghe del capitalismo, arrivando a camminare per le strade piene di negozi con gli occhi chiusi, ma viene comunque additato come spia e interrogato per giorni.

“Una volta entrato nella rete non puoi più uscirne” è la metafora disillusa che il protagonista racconta a se stesso, ormai rassegnato a non tornare a casa. Il contrappasso è chiaro: lo stesso strumento da lui utilizzato per provvedere al sostentamento della famiglia si trasforma in prigione concettuale. La rete, intesa sia come Stato (democratico o meno) sia in senso lato come insieme di connessioni che producono comunità, mediacritica_the_net_290è un mostro a tante teste ma con una sola anima. L’esteriorità vorrebbe gli altissimi alberghi di Seoul distanti anni luce dalla catapecchia che Nam Chul-woo condivide con la moglie e la figlia, ma più l’identità del protagonista viene spezzata, frammentata dai ripetitivi esercizi di dettato e dalle violenze fisiche, da una parte e dall’altra, più le due Coree si dimostrano complementari nell’annullare l’individuo. Al Nord regna l’improvvisazione, l’autorità sorda e meccanica, una dittatura innominabile; al Sud l’organizzazione, l’incidenza dell’opinione pubblica e una democrazia tenebrosa. Ma se esistesse la possibilità di una riunificazione, come il protagonista auspica più volte, si potrebbe costruire a partire dai due pilastri comuni a entrambe le nazioni: il dubbio e la corruzione. Lontano dalla durezza e dal rigore di opere come Pietà e Moebius Kim Ki-duk apre una via coeniana nell’infinito racconto delle due Coree, inserendo la vicenda di un uomo comune all’interno di un meccanismo che si regge sulla stupidità del mondo e che non ammette soluzioni parziali, ma solo definitive. Nessuno dei due governi è in grado di capire chi realmente sia Nam ma l’enorme sforzo che profondono per etichettarlo come spia, collaborazionista o disertore è una clownerie talmente ben architettata da sembrare vera. In fondo la rete, che sia da pesca o social, è proprio questo: uno strumento che uniforma tutto ciò che acchiappa sotto la categoria “possibile preda”.

The Net [Geumul, Corea del Sud 2016] REGIA Kim Ki-duk.
CAST Ryoo Seung-bum, Lee Won-geun, Choi Gwi-hwa, Jo Jae-ryong.
SCENEGGIATURA Kim Ki-duk. FOTOGRAFIA Kim Ki-duk. MONTAGGIO Park Min-sun.
Drammatico, durata 114 minuti.

The Net
4 3 80%

One Comment

  1. Grebanos says:

    Ho un rapporto complicato con Kim Ki-duk, da questo film non mi aspettavo nulla se non le sue solite ossessioni travestite di poesia e invece… mi è rimasto in mente da settembre, da Venezia. Avrebbe dovuto stare in concorso, eccezionale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.