adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Kingsman – Il cerchio d’oro

sabato 23 settembre, 2017 | di Massimo Padoin
Kingsman – Il cerchio d’oro
In sala
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Gentlemen e cowboy contro tutti
Matthew Vaughn è uno di quei registi che, sebbene siano ormai inseriti nel sistema hollywoodiano, non rinunciano alla propria personalità, marchiando a fuoco le proprie pellicole e in particolare dissacrando alcuni buoni costumi degli Studios.

Era stato così in Kick-Ass, e poi in maniera forse più marcata con Kingsman – Secret Service prendendo di mira le spy story di derivazione bondiana. Guardava non solo al genere ma in primis si divertiva con gli stereotipi sui britannici: a partire dal savoir faire e dal buon gusto, il film raccontava di un’organizzazione di agenti segreti che utilizzavano come copertura una sartoria d’alta classe.mediacritica_kingsman_secret_service_290 Il cortocircuito non avveniva tanto nella messa in scena di sequenze d’azione rocambolesche con al centro perfetti gentlemen, ma per il fatto stesso che Eggsy, il protagonista, non aveva nulla da spartire con il resto dei Kingsman, lontano da quel vetusto mondo nobiliare perché semplice teppista di periferia. Nel primo Kingsman, colpiva l’uso esplicito e barocco della violenza e il ruolo del sesso, molto poco politically correct e più simile al sintomo di un senso pruriginoso e volgare. Insomma Kingsman – Secret Service era una pellicola che volutamente predicava bene e razzolava male, dietro a tutta la classe sbandierata dai protagonisti ci si trovava di fronte a una pellicola pop, a tratti fumettistica e ipertrofica. Il suo seguito, Kingsman – Il cerchio d’oro, conferma tutto ciò che il primo episodio aveva mostrato, con una variante: a essere al centro di questo processo di macchiettizzazione non sono solo gli inglesi ma anche gli statunitensi. In seguito a un attacco missilistico che ha colpito le basi della Kingsman, uccidendone quasi tutti i membri, da parte di una signora dello droga, amante dei Fifties e a capo del più importante cartello mondiale, i rimanenti, Eggsy, Merlino e un redivivo Galahad, si rivolgono all’agenzia gemella statunitense, la Statesman, a loro volta mascherati sotto un’importante distilleria di whisky. Se i Kingsman erano perfetti lord inglesi, gli agenti della Statesman al contrario sono dei cowboy spacconi armati di lazo. Bevitori, sbruffoni e schietti, gli americani sono il centro nevralgico di tutte le contraddizioni, liberali convinti, difendono vizi come l’alcool appunto, ma sulla droga le istituzioni si dimostrano intransigenti fino all’estremo, pronti ad assecondare il piano della signora della droga e far morire milioni di persone solo per risolvere due problemi in uno. Kingsman – Il cerchio d’oro conferma la capacità di spiazzare giocando con scorrettezze di vario genere, ma divertendosi. Sconta una certa lungaggine rispetto al primo episodio e un’inevitabile ipertrofizzazione della parte action, ma in fondo non scalfisce la sua principale qualità: rompere la seriosità di un genere, giocando a volte sporco e colpendo basso.

Kingsman – Il cerchio d’oro [Kingsman – The Golden Circle, Gran Bretagna/USA 2017] REGIA Matthew Vaughn.
CAST Taron Egerton, Colin Firth, Mark Strong, Julianne Moore.
SCENEGGIATURA Dave Gibbons, Matthew Vaughn, Jane Goldman, Mark Millar. FOTOGRAFIA George Richmond. MUSICHE Henry Jackman, Matthew Margeson.
Azione, durata 142 minuti.

Kingsman – Il cerchio d’oro
2.33 3 46.67%

One Comment

  1. erbotto says:

    Madonna che brutto! Non ci fosse stato il primo, va ben… tutto esagerato, assurdo, mai simpatico. Un pacco clamoroso. Ah e poi: 2 ORE E 20 per un film così? Aiuto

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly