adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Cry Macho

sabato 11 Dicembre, 2021 | di Maria Eleonora C. Mollard
Cry Macho
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Apprendiamo qualcosa intorno all’arte quando sperimentiamo ciò che la parola solitudine vorrebbe designare (Maurice Blanchot)

“L’inquadratura come zona erogena”, per dirla con Serge Daney, ed è una teoria che vale per ogni film di Clint Eastwood. Cry Macho non fa eccezione nel darci una visione completamente diversa, in una storia che è già stata raccontata dal regista, cogliere la bellezza che riposa nello scarto tra ciò che ci è mostrato e ciò che ci viene negato.

A novantuno anni l’uomo senza nome di Sergio Leone ritorna con una fiaba on the road, tenera e delicata che si compone di contrapposizioni: l’americano e lo straniero, l’anziano e il giovane. Non siamo ai livelli di Gran Torino, ma il tono della dedica a un cinema che non c’è più è lo stesso.

Eastwood, nei panni di Mike Milo, è un ex cowboy da rodeo che ha perso moglie e figlia e per ripagare un debito morale deve partire per il Messico nel difficile compito di recuperare e riportare negli Stati Uniti Rafa (Eduardo Minett), figlio tredicenne del suo ex capo.

Cry Macho - Clint Eastwood

La storia è terribilmente semplice quanto efficace, e in una danza a due tra il vetusto cowboy e il ragazzino, Clint ci insegna che c’è ancora una frontiera da conquistare, e quella frontiera siamo noi. Negli scambi leggeri eppure pregni di filosofia tra i due protagonisti Cry Macho è la prova che è ancora possibile creare film on the road. Tutta la filosofia messicana, così come quella ormai ‘scomparsa’ del cowboy, si basa sul concetto di mascolinità che per Mike è un tipo di mentalità superata, benché gli prema (forse perché è figlio della sua generazione) che Rafa sia più stoico e meno puerile, che sappia cavalcare (se deve vivere in Texas) e che il suo carattere estremamente sensibile non sfoci nello stucchevole o, al contrario, in  esternazioni esagerate che, ai suoi occhi di uomo realmente vissuto, risultano ridicole.

Se ‘solo le differenze si somigliano’ Mike e Rafa sono uno il contraltare necessario dell’altro, ed è in questo strano rapporto (padre-figlio? Amici?) che nasce una bellissima riflessione sulla terza età, di come, forse, la vecchiaia, non sia sinonimo di saggezza ma di un accumulo incredibile di sbagli; di come sia possibile imparare ancora qualcosa prima dell’ultimo crepuscolo; di come anno dopo anno riusciamo a fare e a ottenere sempre meno, che le certezze si sgretolano e i dubbi si accumulano o per citare lo stesso Mike: “Pensi di avere tutte le risposte poi come invecchi, capisci che non ne hai nessuna”.

Noi vediamo tutte le immagini pur non vedendole, così è anche per una trama che sembra scivolare ‘sulla superficie delle cose’. Non sappiamo cosa ha portato alla separazione tra i genitori di Rafo, così come non sappiamo com’era la vita in famiglia di Mike quando ne aveva ancora una, e le donne appaiano sullo schermo con una visione assolutamente manichea: perdute come la madre di Rafo o amorevoli come Marta, la locandiera che aiuta i due protagonisti in diverse occasioni; nonostante ciò, ogni fotogramma è una azione che racconta se stessa e non ha bisogno di altri orpelli, bastano pochi tratti per avere un quadro chiaro, per capire che è la storia di ogni americano (e non solo) che si è perduto e spera di essere ritrovato nell’immenso ventre del continente.

Clint Eastwood con Cry Macho fa lezione e dà lezione di una massima di Gustave Flaubert, e ora che si avvia lentamente nel suo personalissimo ‘cupo tramonto’ fa ancora più male soffermarci sopra a queste ultime (?) battute: “Patibolo: prima di salirvi ricordarsi di pronunciare qualche frase memorabile”. E così sia.

  • Cry Macho [Id., USA 2021]
  • REGIA: Clint Eastwood
  • CAST: Clint Eastwood, Eduardo Minett, Natalia Traven, Dwight Yoakam
  • SCENEGGIATURA: N. Richard Nash, Nick Schenk
  • FOTOGRAFIA: Ben Davis
  • MUSICHE: Mark Mancina
  • Western, durata 104 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly