adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Sadie Benning Videoworks (1998)

sabato 14 luglio, 2018 | di Federica Fontana
Sadie Benning Videoworks (1998)
Festival
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

37° Premio Sergio Amidei, 12 – 18 luglio, Gorizia

Una storia di carne e di pixel
È il 1989 e Sadie Benning lascia la scuola e decide di chiudersi nella sua stanza. Lì dentro ha tutto quello che le serve: sedici anni, i suoi dischi, la tv e una telecamera giocattolo Fisher Price PXL-2000, che permette di registrare brevi filmati su un’audiocassetta.

Con quella gira un video di cinque minuti chiamato Living Inside (1989), in cui racconta cosa significa scoprirsi lesbiche nella Milwaukee operaia e conformista di fine millennio. Il primo era stato A New Year (1989): quattro minuti a cuore aperto nascosta dietro una palla di vetro con la neve finta, i suoi pensieri impressi sopra dei pezzi di carta fluttuanti davanti allo schermo. mediacritica_sadie_benning_videoworks_290Da lì Benning ha continuato a girare, a dare una forma pezzo per pezzo alla sua adolescenza, quella di una ragazzina ai margini che decide di raccontare la sua sessualità nell’unico posto in cui si sente al sicuro: la sua cameretta con le tapparelle abbassate. Con If Every Girl Had a Diary (1990) le confessioni fuori campo si legano a primi piani claustrofobici: l’obiettivo diventa un’estensione del corpo, offerto con una prossimità spiazzante, quasi sensuale. Il video si fa carne, acquista qualità tattili, materiche, dà vita ad una fisicità inedita che ingloba lo spettatore. Il rumore della telecamera in funzione, la voce calda fuori campo, la grana spessa dei pixel, la sua bocca impiastricciata di rossetto, danno l’illusione di condividere la stessa intimità, di guardare insieme dallo stesso buco della serratura. Sadie Benning vuole comunicare, vuole connettersi con chi la guarda. Come per l’odierno popolo di youtuber, l’isolamento è la condizione necessaria dell’estrema diffusione di un messaggio in bottiglia. Come i diari delle teenager, i suoi video fagocitano tutto, sfidando la specificità del mezzo: in A Place Called Lovely (1991) filmati della sua infanzia, illustrazioni scientifiche di anatomie perfette, disegni, animazioni, titoli di giornale, si intrecciano in cortocircuiti ironici che esorcizzano la solitudine. La colonna sonora, strutturale come un battito cardiaco, rivela uno spazio di spontaneità calibrata, editato nei dettagli. Vecchi giocattoli si inseriscono nel racconto per visualizzare quello che non basta dire; emergono da profondità sgranate come goffi effetti speciali. Inserti chiassosi tratti da programmi televisivi spazzano via tutto, entrano in scena a singhiozzo con la stessa violenza con cui i modelli sociali imposti schiantano la personalità di una donna in costruzione. Per difendersi Benning impersona ruoli: maschili, femminili, indefiniti. Rivendica un’identità fluida, instabile; con It Wasn’t Love (1992) entra ed esce dagli stereotipi della Hollywood anni Cinquanta, sfoga tutta la voglia di esistere di una persona che si cerca sui media ma non si trova, allora decide di rappresentarsi da sola. Benvenuti nel New Queer Cinema, quello in cui solitudine e alienazione vanno a braccetto con la carica sovversiva dell’ambiguità di genere. Ormai ragazzina prodigio, inizia a rivolgere la telecamera fuori dalla propria stanza, ad allargare lo sguardo anche a ciò che la circonda, per finire con Flat Is Beautiful (1998), il film più lungo che abbia mai girato: qui lascia la scena a Taylor, undicenne androgina cresciuta da una madre single in un mondo in bianco e nero, e l’emotività dei personaggi è affidata a delle maschere di carta. Gli esterni sono girati in Super8, ma per gli interni Benning continua a usare la Pixelvision, convertendone ancora una volta i limiti in sorprendenti possibilità espressive.

Sadie Benning Videoworks: Volume 1 [id., USA 1998] Regia e sceneggiatura: Sadie Benning.
Sperimentale, durata 35 minuti.

Sadie Benning Videoworks: Volume 2 [id., USA 1999] Regia e sceneggiatura: Sadie Benning.
Sperimentale, durata 49 minuti.

Sadie Benning Videoworks: Volume 3 [id., USA 1999] Regia e sceneggiatura: Sadie Benning.
Sperimentale, durata 70 minuti.

Sadie Benning Videoworks (1998)
5 1 100%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly