adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Joker

mercoledì 4 Settembre, 2019 | di Stefano Lalla
Joker
Festival di Venezia
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 28 agosto – 7 settembre 2019, Lido di Venezia

“Is it just me, or is it getting crazier out there?”
Joker è una variazione in chiave cruda e realistica della genesi del pagliaccio assassino più celebre al mondo. Ha sorpreso i frequentatori della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia diventando il primo cine-fumetto targato DC a concorrere per il Leone d’Oro.

Se scandalizzare l’odierno pubblico di cinefili onnivori è praticamente impossibile, è tuttavia legittimo chiedersi se la contaminazione tra cinema d’autore e storia supereroistica sia ben riuscita. Che essa sia possibile dovremmo darlo per scontato, essendo numerosi gli esempi fumettistici di storie autoconclusive che rivisitano i miti in calzamaglia, arricchendoli di un intento destrutturante o di una dimensione d’autore. Joker, infatti, è un’opera di continuità piuttosto che di rottura, che segue col consueto ritardo l’evoluzione del fumetto americano. Il film di Todd Phillips reinventa liberamente la storia assecondando la propria vocazione al realismo, una tendenza già apprezzabile nei lavori di Christopher Nolan, che cercavano con successo una sintesi tra il gusto personale e le esigenze commerciali della serialità cinematografica. Già emergono le prime differenze, certamente fondamentali per la sua presenza festivaliera: Joker ha un equilibrio diverso ed è più vicino che mai a un graphic novel. Come tale, sarebbe un errore madornale immaginarne un seguito e ci si provocherebbe un mal di testa se si provasse a inserirlo in un universo condiviso con altre opere. È un film, non l’inizio di un progetto, e, anche se ci strizza l’occhio mostrando un Bruce Wayne ancora in tenera età, è bene che non produca figliazioni. I riferimenti al “dopo” e a un universo narrativo più grande di ciò che viene mostrato, per nulla necessari in un’operazione così radicale, hanno il pregio di essere inseriti con gusto. Essi aggiungono al film quel piacere della ripetizione, della rifondazione del mito, che è tipico del fumetto e non interferiscono con le sue intenzioni di fondo, che stanno altrove.
Per comprendere tali intenzioni basta cercare i suoi riferimenti narrativi. Quelli fumettistici, al di là di Bob Kane per i personaggi, si limitano a poche citazioni da Alan Moore e Frank Miller e la storia sembra maggiormente in debito col cinema, da Re per una notte e Taxi Driver. Joker racconta di un emarginato con problemi psichiatrici alle prese con una crisi del lavoro che non lascia scampo ai più deboli. Tra i problemi famigliari e l’orribile scoperta che i suoi sogni non coincidono con le sue vocazioni, egli sviluppa un desiderio di rivalsa irrazionale, di vendetta personale contro l’anonimo “uomo che vive ai piani alti”, un bisogno di dimostrare pubblicamente il proprio stato emotivo senza conoscere le parole per farlo; quindi, con la violenza. Ciò che sorprende di più è la presenza massiccia ed esplicita del discorso politico: a Gotham il welfare non raggiunge i più deboli, i servizi sociali non sono più finanziati, le rivolte popolari non cercano soluzioni ma solo sfoghi. Per essere cine-fumetto, Joker è un film davvero poco conciliante.

Joker [id., USA 2019] REGIA Todd Phillips.
CAST Joaquin Phoenix, Robert De Niro, Zazie Beetz, Frances Conroy, Brett Cullen.
SCENEGGIATURA Todd Phillips, Scott Silver. FOTOGRAFIA Lawrence Sher. MUSICHE Hildur Guðnadóttir. MONTAGGIO Jeff Groth.
Drammatico, durata 118 minuti.

One Comment

  1. Flavio Bertolini says:

    La performance di Joaquin Phoenix, indubbiamente ha dato al film un qualcosa di veramente intenso. Ha regalato al personaggio una carica emozionale che colpisce per la sua intensità. Il film, anche se secondo il regista non ha risvolti politici, invita a riflettere sul valore dell’uomo difronte a alla durezza della vita. Il messaggio politico che ne esce è quello che non bisogna sottovalutare il potere dei deboli, che sono dei forti senza la cattiveria e la consapevolezza dei loro diritti. Quando ne trovano il senso e la forza di affrontare il sistema sbagliato che li discrimina, diventano una forza potente di cambiamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly