adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)

sabato 30 Agosto, 2014 | di Massimo Padoin
Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

71a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 27 agosto – 6 settembre 2014, Lido di Venezia

Troppo grande per essere piccolo
Com’è guardare il mondo dall’alto con lo sguardo di un uccello? Tutto ci apparirebbe piccolo, piccoli gli edifici, piccole le auto, piccole le persone e del resto anche le loro vite.

Tutto dev’esser ricalibrato nelle proporzioni perché lontano dal quotidiano, dal nostro quotidiano, lo sguardo deve abituarsi a un differente ordine globale delle cose, o meglio universale. Perché del resto, come la giovane Sam cerca di non dimenticare, l’esistenza umana può esser quantificata con un solo foglio di carta igienica alla fine di un intero rotolo, tutto potrebbe finire come in un attimo se solo un meteorite ci investisse. Ma lo stesso tutto nella nostra esistenza ci sembra essere ed è così grande, enorme anche in confronto all’ordine delle cose; è pur mediacritica_birdman_orsempre un problema di proporzioni. In questo trova senso il lungo – e fittizio – pianosequenza che avvolge quasi nella totalità Birdman or, nel ridonare la proporzione di uno sguardo calato dentro le cose, a volte sembra una soggettiva ma in realtà è sempre la stessa oggettiva irreale che chiude il nostro sguardo nello spazio dei suoi protagonisti. Broadway è sia claustrofobica che agorafobica, un labirinto di corridoi tra camerini che semplici pareti dividono dal cuore “megalopico” di New York e ancor di più dalla platea del pubblico davanti al palcoscenico. L’attore vive qui il proprio conflitto con un ego gonfiatosi smisuratamente dopo aver raggiunto il proprio apice anni prima grazie a un successo al botteghino e ora costretto a ritirarsi perché l’uomo ormai è dimenticato, ma non il personaggio; Birdman – il supereroe – vive, come un rimorso ma anche come possibilità. Le vite dei singoli componenti della compagnia teatrale pronta a buttarsi in quella che sembra essere sia una trionfale che catastrofica rappresentazione di un racconto di Raymond Carver stanno sempre lì a mostrarci come l’esistenza è quell’equilibrio instabile fatto dalle proprie narcisistiche aspirazioni, paure e stupidità. Tutto si amplifica mentre si è sottoposti a un’esposizione pubblica in grado di catalizzare l’attenzione di milioni di persone, nonostante l’infinitesimale significanza che tutto questo ha all’interno di un ordine universale. Del resto cosa rappresenta il senso di rivalsa artistica di un attore dimenticato? In questo sta la grandezza di Birdman or, più anche della sua virtuosistica prova registica e di scrittura o dell’impressionante range espressivo dei suoi attori, sempre in bilico tra gli eccessi drammatici ed istrionici. La pellicola di Iñárritu ci pone di fronte ad una sintesi di proporzioni differenti tra l’immensamente grande e l’apparentemente piccolo. Tutto raggiunge un dosato equilibrio tra gli eccessi soggetti a differenti punti di vista, che siano quello di una ragazzina ex tossicomane, di un attore dimenticato – con fantomatici poteri nascosti – o di un fittizio supereroe. Le contraddizioni esistenziali di un peso infinitamente piccolo e quello enorme dello spettacolo (umano).

Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance) [Id., USA 2014] REGIA Alejandro Gonzáles Iñárritu.
CAST Michael Keaton, Emma Stone, Edward Norton, Zach Galifianakis, Naomi Watts.
SCENEGGIATURA Alejandro Gonzàles Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris, Armando Bo. FOTOGRAFIA Emmanuel Lubezki. MUSICHE Antonio Sanchez.
Commedia/Drammatico, 119 minuti circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly