adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’abbiamo fatta grossa

sabato 30 Gennaio, 2016 | di Andrea Moschioni Fioretti
L’abbiamo fatta grossa
Film History
5
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE CARLO VERDONE
Un buon equilibrio
Per raccontare L’abbiamo fatta grossa, ultimo film di Carlo Verdone, bisogna partire dall’ultima scena in cui appare una scritta emblematica: “I personaggi e i fatti raccontati sono di fantasia. È la realtà che però li crea” − forse non proprio questa ma il concetto è quello.

Lo so, sono cocciuto e, come spesso ho fatto in queste pagine, mi ostino a trovare un’aderenza alla realtà soprattutto esaminando pellicole nostrane; ma da sempre Verdone ha saputo raccontare il nostro Paese meglio di altri suoi coevi o presunti eredi cinematografici. In L’abbiamo fatta grossa è presente ancora una volta la vicenda di uomini che si imbattono in eventi più grandi di loro, e nonostante siano portati a pagare gli errori commessi, lo fanno a testa alta e mediacritica_abbiamo_fatta_grossa_290riuscendo anche a prendersi delle soddisfazioni. La pernacchia finale nei confronti del corrotto (ometto chi per non spoilerare) è quella dell’uomo comune nei confronti del potere, oggi come ieri: Una vita difficile dell’amato Sordi docet. Anche Arturo (Verdone) e Yuri (Albanese) sono squattrinati e imbranati come le tante maschere a cui entrambi gli attori ci hanno abituato, e si rendono conto che lottare contro un sistema marcio e vizioso è impossibile. Non un discorso “pentastellato”, ma una realtà che si fatica sempre di più a sopportare, perché, come anche questo film ci dimostra, pagano sempre i soliti. Superata questa premessa doverosa, L’abbiamo fatta grossa è una ventata d’aria fresca nella recente carriera verdonesca, fatta di alcuni momenti di stanca, come Sotto una buona stella e le riproposizioni televisive di personaggi triti e ritriti. La malinconia ritorna come ai vecchi tempi insieme ad alcuni momenti comici riusciti, e soprattutto potrebbe essere la nascita di una nuova coppia artistica: Albanese duetta senza strafare e con il giusto equilibrio tra comico e drammatico, anche quando emergono alcuni suoi cliché dialettali, e il botta e risposta tra i due sembra già andare con il pilota automatico. La regia è più attenta a restituire la verosimiglianza delle azioni, riempiendo il tutto con semplici gag (quella ambientata nel solarium è da antologia) anche “volgari” che nella confezione finale non guastano, anzi. Si gioca con il noir e, sebbene siano leggermente stereotipati, i comprimari funzionano. Sia dai titoli di testa che dai meccanismi ben oliati della sceneggiatura, si intravede l’eco di alcune commedie classiche americane, quasi un tentativo di trasportare il migliore Woody Allen ai nostri giorni e alla nostra indecifrabile Italia. Certo non tutto è perfetto, l’ostentazione di mostrare i coatti e l’anonimato di una Roma mai così celata (ma si sa ormai Verdone non riconosce più la sua città…), però si esce dal cinema con il sorriso… a denti stretti.

L’abbiamo fatta grossa [Italia 2016] REGIA Carlo Verdone.
CAST Carlo Verdone, Antonio Albanese, Anna Kasyan, Francesca Fiume, Clotilde Sabatino.
SCENEGGIATURA Carlo Verdone, Pasquale Plastino, Massimo Gaudioso. FOTOGRAFIA Arnaldo Catinari.
Commedia, durata 114 minuti.

5 Comments

  1. Edop. says:

    L’ho trovato molto debole, sia a livello comico che a livello di costume, soprattutto per il finale posticcio e retorico. Verdone mi ha dato l’impressione di essere stanco, svogliato e scazzato. si salva Albanese e il cameo di Giuliano Montaldo. E da grande estimatore di Verdone, mi spiace molto.

  2. moschio says:

    Ho letto in giro tutte recensioni negative…mi sa che sono l’unico ad averlo apprezzato! 🙂 Edo tu avevi visto quella porcata con la Cortellesi “Sotto una buona stella”? questo gli da 10 a 0…

  3. sand says:

    volevo smettere di guardare già nella scena ridicola del gatto,uno entra in un appartamento saltando da la finestra,la torta ecc….Franco e Ciccio,Banfi erano maestri di questa comicità…ma 40 anni fa!

  4. Anonimo says:

    Il film non mi è piaciuto.Nonostante una trama ben costruita e dinamica,i due personaggi non sempre hanno dato il meglio di sé(specialmente Verdone quasi timido e impacciato).Albanese(bravo) toglie la scena a Verdone che suo malgrado diventa comprimario.Forse siamo stati abituati a film in cui l’attore-regista ha monopolizzato la scena con gag e caricature che hanno fatto la storia della commedia italiana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly