adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Happiest Day in the Life of Olli Mäki

sabato 29 ottobre, 2016 | di Filippo Zoratti
The Happiest Day in the Life of Olli Mäki
Festival
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

54. Viennale – Vienna International Film Festival, 20 ottobre – 2 novembre 2016, Vienna

I’m a loser, but that’s ok
A fare la storia sono davvero i vincitori? The Happiest Day in the Life of Olli Mäki narra di un riservato, gentile e innamorato perdente, che si caccia in una scommessa più grande di lui. Un atleta e gentiluomo, verrebbe da dire, seguendo la tragicomica avventura di un panettiere di Kokkola, “suo malgrado” pugile e campione d’Europa nella categoria dilettanti, che nel 1962 ha la chance di combattere per il titolo dei pesi piuma contro il campione statunitense Davey Moore.

Di film sulla boxe la Storia del Cinema è piena, ed è forse proprio per questo che l’esordio alla regia di Juho Kuosmanen – vincitore a sorpresa dell’Un Certain Regard a Cannes 2016 – stupisce e non poco: siamo lontani dalle parabole di vendetta o di spietata disperazione, tipiche ad esempio dei recenti Southpaw e Kozamediacritica_the_happiest_day_in_the_life_of_olli_maki_290E la distanza si fa siderale anche nei confronti del riscatto sociale in stile Rocky. La pellicola di Kuosmanen è una commedia umana, che ricorda inevitabilmente i microcosmi stralunati di Aki Kaurismaki intrisi di disincanto, grotteschi silenzi ed esplosioni di sotterranea comicità. È il primo elemento che salta all’occhio: tutto ciò che circonda il protagonista è anomalo, trasognato, ai confini del nonsense, perché filtrato dal suo punto di vista. In fondo a Olli poco importa della gloria, lui è felicemente innamorato della sua compagna Raija; e poco importano anche la dinamica dello show e della grandiosità dell’evento, cui controbatte in conferenza stampa con un laconico “Combatterò, e vedremo cosa succede”. Il resto lo fa una regia sobria ed elegante, che smonta qualunque afflato epico e competitivo: nelle sessioni di allenamento (così come nel fulmineo incontro per il titolo) non c’è climax, il ritmo della messinscena è tutto “extra-sportivo”, concentrato sulla quotidianità di Olli e sulla sua semplice vita. Nel suo incedere surreale e poetico The Happiest Day in the Life of Olli Mäki ricorda altre picaresche imprese di chi ha scritto la storia sportiva della propria nazione quasi senza rendersene conto, dallo sguardo incredulo del pattinatore australiano Steven Bradbury (medaglia d’oro a Salt Lake City nel 2002 per una incredibile sequela di episodi fortuiti, un “miracolo” che prima o poi dovrebbe dar vita ad un film) alla fallimentare esperienza di Eddie “The Eagle” Edwards, primo atleta a rappresentare il Regno Unito alle Olimpiadi invernali del 1988 nella disciplina del salto con gli sci. Eppure con il mite e tenero Olli si va persino oltre, verso l’ode alla quieta rassegnazione e alla presa di coscienza del proprio – defilato e disilluso – posto nel mondo. Olli Mäki è la proposta della Finlandia ai prossimi Oscar, in lizza per il Miglior Film Straniero. E se questa favola, pervicacemente opposta all’american dream, facesse breccia nei cuori della giuria?

The Happiest Day in the Life of Olli Mäki [Hymyilevä mies, Finlandia 2016] REGIA Juho Kuosmanen.
CAST Jarkko Lahti, Oona Airola, Eero Milonoff, John Bosco Jr.
SCENEGGIATURA Juho Kuosmanen, Mikko Myllylahti. FOTOGRAFIA Jani-Petteri Passi. MONTAGGIO Jussi Rautaniemi.
Drammatico/Sportivo, durata 92 minuti.

The Happiest Day in the Life of Olli Mäki
3.9 17 78.82%

2 Comments

  1. Yeah! says:

    Molto carino! io più che la laconicità in stile Kaurismaki, che pure c’è – soprattutto all’inizio – ho trovato riferimenti allo straniamento di certe commedie indie, stile Baumbach (e il protagonista di viso mi ha ricordato Ben Stiller)

  2. Signor S. says:

    Visto a Torino. Film bellissimo, romantico e poetico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly