adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Capri-Revolution

sabato 22 Dicembre, 2018 | di Elvira Del Guercio
Capri-Revolution
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il futuro è donna
Il racconto è un’operazione sulla durata, un incantesimo che agisce sullo scorrere del tempo, contraendolo o dilatandolo, e l’autore è chi sceglie di seguirne linearità e coerenza potendo anche distorcerle, alterandole, o chi decide quando (se) e come ricomporre un eventuale mosaico di immagini, una “mera” questione di forma che diviene sempre altro,

Ed è questa una delle linee guida della comune utopica di Seybu in Capri-Revolution: l’arte, la percezione comune e l’estetica che si evolvono con il mutare stesso dei tempi, e quindi dell’uomo, e l’impatto, o meglio il ruolo che la suddetta arte riveste nell’incedere ciclico della sua storia. mediacritica_capri-revolution_290Ed è il cinema a far sì che diversi tempi e idee – il personaggio di Seybu rappresenterebbe sia il pittore tedesco Karl Diefenbach che Joseph Beuys, figura preminente dell’arte contemporanea tra gli anni Sessanta e Settanta – coesistano, irrompano gli uni contro gli altri, influenzandosi e ricostituirne i frammenti è per lo spettatore un invito alla scoperta, alla ricerca costante.
Tra eco delle varie forme dell’happening (Beuys, Abramovich) e dell’azionismo viennese incarnato nell’invasata figura dello psicanalista che abita la comune, e brevissimi richiami alle dinamiche di un conflitto mondiale che resta volutamente sullo sfondo, Mario Martone si distacca dalla lucida e chirurgica precisione cronachistica di Noi credevamo continuando a guardare alla Storia non da una posizione presente data per scontata, immodificabile. Quel cliché “museale” da surclassare e di cui parla Christian Petzold riguardo La donna dello scrittore, suo ultimo lavoro. In Capri-Revolution il presente è sì quello dei primi anni dieci del Novecento, ma visto da una posizione mediana, nell’interstizio tra il dato, il concreto e ineffabile succedersi degli eventi (il cinico medico socialista del paese si presta a questa visione, considerando la guerra come unica alternativa) e un suo possibile diramarsi verso altri orizzonti, altri spiragli d’esistente contro un presente angusto, lo spazio della comune come luogo di sperimentazione e ricerca, di conflitto intimo, specialmente della protagonista Lucia.
Lucia è poi il fulcro della narrazione. Nel sibilare mai asfissiante della natura a un certo punto prende il volo, librandosi sugli spazi come i due protagonisti di First Reformed, oltrepassando l’“ermo colle”, e Martone riadatta anche questa volta la spinta immaginativa, l’incanto dell’illusione leopardiana «qualcosa di bellissimo e rivoluzionario nel nostro tempo» come lui stesso ha dichiarato in una recente intervista. Lucia prende il volo distaccandosi da una realtà a cui non sente di appartenere, rivendicando gradualmente una propria indipendenza, alla fine libera e in moto perpetuo nel mondo. E l’ultima inquadratura sul suo volto ricorda la fine di Sunset di László Nemes, due donne divenute padrone della propria identità e il mondo, il futuro davanti.

Capri-Revolution [Italia, 2018] REGIA Mario Martone.
CAST Marianna Fontana, Antonio Folletto, Eduardo Scarpetta, Reinout Sholten van Ashat.
SCENEGGIATURA Mario Martone, Ippolita di Majo. FOTOGRAFIA Michele D’Attanasio. MUSICHE Apparat.

Drammatico, durata 122 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly