adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Congress

sabato 22 Giugno, 2013 | di Carmen Spanò
The Congress
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

ANTEPRIMA
Immagini senza qualità
Futuro, ultima frontiera del sogno e della bellezza: svincolate dal loro referente materiale unico e irripetibile, le immagini assurgono a puro simbolo di alterità, si colorano di un’evanescenza edulcorata e seduttiva, imbevono menti e occhi di allucinazioni omologanti e diventano, così, armi di distruzione di massa, inibitori di coscienze e spirito critico.

La vita è una questione di scelte. Alcune buone e proficue, altre sbagliate e, di conseguenza, autolesive. Il senso di Robin Wright per le “occasioni giuste” si è rivelato – a opinione del suo agente ruffiano Harvey Keitel e del capo-squalo dello studio hollywoodiano Miramount (no, ogni riferimento a Miramax e Paramount non è puramente casuale) –mediacritica_the_congress un meccanismo da bussola rotta, capace di far sprofondare una promettente carriera in una sequela umiliante di drastici flop. Ma se il passato è (forse) tempo dell’esistenza immodificabile, perché non lavorare sul futuro? La tecnologia garantisce il ritorno a una gioventù sempiterna, fatta di espressioni e sentimenti pixelati che non invecchiano, e per la quale il sistema binario delle formule e ricombinazioni crea simulacri perfetti dell’illusione di realtà. (S)Vendere se stessi in quanto immagine visibile ovunque, scaricabile, riproducibile, addirittura bevibile nell’era delle joint ventures tra studi cinematografici e case farmaceutiche, costituisce il compimento estremo del male della nostra epoca, quel complesso narcisistico che anela alla sovrapposizione dell’essere con l’apparire. “Chiunque fuorché se stessi”: è il comandamento primo e solo dell’uomo senza qualità di Musil, un individuo privo di qualità proprie e quindi costretto a rubare quelle degli altri, in una ricerca compensativa massacrante e distruttiva. Le coscienze, le relazioni, la percezione stessa del “Sé”, vuole dirci Ari Folman, stanno andando nella medesima direzione: le sue immagini “senza qualità” sono testimonianze fluorescenti della “liquidità” comunicativa e dei legami che stanno gradualmente sommergendo l’uomo, fino a scioglierne il valore della diversità in un consumismo offuscante portato all’eccesso. Punta dritto al cuore del sistema dell’entertainment il regista di Valzer con Bashir, e tra mondi animati à la fratelli Fleischer, strizzatine d’occhio a Matrix e I figli degli uomini, avvia una critica morale e sociale di impianto meta-narrativo che, benché ricca di spunti di riflessione, non è esente da discontinuità e incertezze nella sceneggiatura. Dispiace dirlo ma sono proprio le parti di animazione a sollevare dubbi sull’organicità di un’opera di fatto scissa al suo interno, che vorrebbe dire molto più di ciò che riesce a comunicare, in realtà silenziata nella sua “vis” accusatoria da una narrazione debole e spezzata. Un film che si rispecchia interamente nella personalità della sua protagonista: seducente e forte a tratti ma bloccata in una fragilità di fondo, impedita sulla via di uno sviluppo pieno ed appagante.

The Congress [id., Belgio/Francia/Lussemburgo/Germania/Israele/Polonia 2013] REGIA Ari Folman.
CAST Robin Wright, Harvey Keitel, Jon Hamm, Paul Giamatti, Kodi Smith-McPhee, Danny Huston.
SCENEGGIATURA Ari Folman [dal romanzo The Futurogical Congress di Stanislaw Lem]. FOTOGRAFIA Michal Englert. MUSICHE Max Richter.
Animazione/Fantascienza, durata 122 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly