adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Captain Marvel

sabato 30 Marzo, 2019 | di Marta Corato
Captain Marvel
In sala
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Più Brie Larson, meno arzigogoli
Considerando che la Vedova Nera di Scarlett Johansson è sui nostri schermi da otto anni, è sorprendente che il primo film dell’universo Marvel con una protagonista femminile non sia dedicato a lei, bensì alla new entry Captain Marvel.

La nostra nuova eroina, una soldatessa della razza aliena Kree, entra in scena precipitando attraverso il soffitto di un Blockbuster nell’America di metà anni Novanta mentre insegue la razza aliena nemica, gli Skrull, attraverso la galassia. Arrivata sulla Terra si imbatte in due deviazioni non da poco: frammenti di ricordi di una vita passata che ha totalmente rimosso, e il nostro Agente S.H.I.E.L.D. di fiducia Nick Fury.
Captain Marvel è tutt’altro che perfetto: la prima parte del film è costruita in maniera a dir poco inelegante, che risulta piuttosto “spiegona” nonostante le scene d’azione e combattimenti aerei non manchino. La genesi di Captain Marvel ha troppe parti che si combinano con difficoltà, rendendo alcuni passaggi nebulosi.
A salvare la prima parte e far decollare la seconda è l’esplosiva (letteralmente) Carol Danvers di Brie Larson, che si prende tutto lo spazio che le serve anche in un film infarcito di comprimari uomini – Samuel L. Jackson ringiovanito digitalmente, Ben Mendelsohn dipinto di verde, Jude Law con le lentine da Twilight. Carol è intelligente e forte, divertente e coraggiosa, ma è anche fallibile e testarda. Larson riesce a trovare un equilibrio tra Captain Marvel, un’eroina sovraumana, e Carol Danvers, una persona quasi normale.
Mi ero giurata che non l’avrei paragonato con Wonder Woman ma, a parità del fatto che nessuno dei due film sia davvero femminista, Captain Marvel prova meno disperatamente a essere #fempowerment e si sforza di fare del lavoro con la sua protagonista. La discriminazione a cui è sottoposta è meno scontata ma più che familiare, ed è l’insistenza con cui le donne vengono accusate di essere vittime delle proprie emozioni. Inoltre, è davvero pregevole che il suo arco si incentri su rapporti d’amicizia e rispetto con altre due donne (la Maria Rambeau di Lashana Lynch e la Wendy Lawson di Annette Bening) invece che sul flirtare.
Il miracolo che fa funzionare tutto film è l’alchimia tra Brie Larson e Samuel L. Jackson, eccezionali e vicendevoli spalle comiche, che aiutano anche le parti macchinose del film a risultare più disinvolte. È ottimo anche il dosaggio dei riferimenti agli anni Novanta, dando più risalto a scene istantaneamente classiche come quella sulle note di Just A Girl dei No Doubt. Non c’è dubbio che complessivamente Captain Marvel sarebbe potuto essere un film migliore; ad ogni modo, ci sono stati svariati film dimenticabili con supereroi uomini, eppure siamo ancora qui a farne sequel. Come c’era da aspettarsi, Brie Larson è una bomba di carisma, e rende Carol una protagonista che non ha tempo per rassicurare chi non è capace di starle dietro.

Captain Marvel [id., USA 2019] REGIA Anna Boden, Ryan Fleck.
CAST Brie Larson, Samuel L. Jackson, Jude Law, Lashana Lynch, Annette Bening, Ben Mendelsohn, Djimon Hounsou, Gemma Chan.
SCENEGGIATURA Anna Boden, Ryan Fleck, Geneva Robertson-Dworet, Jac Schaeffer. FOTOGRAFIA Ben Davis. MUSICHE Pinar Toprak.
Azione/Fantascienza/Avventura, durata 124 minuti.

Captain Marvel
2.7 7 54.29%

One Comment

  1. Tommy says:

    Condivido assolutamente le riflessioni di fondo della recensione, che di riflesso diventano l’unico reale motivo d’interesse dell’opera, ma in fin dei conti l’ho trovato un film proprio poco riuscito, pure noiosetto, e neanche particolarmente utile nell’evoluzione narrativa dell’universo Marvel (cioè, sarebbe ipoteticamente stato molto più interessante da questo punto di vista un film dedicato a Vedova Nera)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly