adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Wild Thing

lunedì 21 Novembre, 2011 | di Chiara Checcaglini
Wild Thing
Festival
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

52° Festival dei Popoli – Festival Internazionale del Film Documentario, 12-19 novembre 2011, Firenze

Il sipario strappato
Festival dei Popoli, sala del cinema Spazio Uno gremita, proprio come sarebbe piaciuto al regista Jérôme de Missolz, a ricordare il mood da concerto rock: va in scena Wild Thing, documentario che ripercorre in modo del tutto personale la storia della “musica del diavolo”, sulle tracce di superstiti più o meno conosciuti, più o meno estremi: Reg Presley dei The Troggs (autori della hit che dà il titolo al film), Kevin Ayers dei Soft Machine, Jimmy Carl Black dei Mothers of Invention di Zappa, Genesis P. Orridge e Lydia Lunch.

Molti personaggi pittoreschi e consapevoli, come il vagamente sciamanico Gary Duncan dei Quicksilver Messenger Service, o Eric Burdon degli Animals e John Echolls dei Love; alcuni che hanno un po’ rinnegato quella vita, come Richard Hell dei Television. Su tutti, Iggy Pop, inquieto e straordinariamente brillante, folle e divertente, assurto a simbolo della vera essenza del rock, di quell’eterna irresponsabilità quasi ingenua e soprattutto insopprimibile, che gli ha permesso di risorgere dalle proprie ceneri una decina di volte, e di sfoggiare ancora una carica invidiabile. Mescolando l’approccio storico a quello diaristico, il regista lascia alle parole dei protagonisti il compito non solo di raccontare aneddoti e ricordi personali, ma anche di riflettere sullo scarto tra la progressiva commercializzazione del genere e il continuo, ricorrente rinascere di uno spirito che esige riconoscersi nel rock. Il commento personale fa da contrappunto, perfetta esemplificazione dell’ideale fan che sta dall’altra parte, in cerca di un idolo dopo l’altro da adorare. Il riassunto del regista francese, volutamente non esaustivo e parziale, si srotola per capitoli sul filo dei dischi e dei gruppi che hanno accompagnato la sua vita, dal primo vinile dei Rolling Stones, regalo del padre per il decimo compleanno, agli anni caotici di rave e industrial music. Più che in ordine cronologico, il racconto è suddiviso per aree tematiche, secondo le varie vesti che il rock ha assunto nei decenni: la ribellione, il sex appeal dei cantanti, la politica, il pacifismo, la psichedelia, le commistioni con arte e teatro, la demenzialità, il nichilismo. Con alcuni capisaldi ricorrenti: i Rolling Stones e soprattutto Brian Jones, Iggy Pop, l’antipatia per i Beatles, l’attrazione costante per i gruppi meno accomodanti. Il film però non è esente da un certo nostalgismo, che si fa più pesante sul finale, dove non viene contemplato nulla di ciò che di buono è emerso nella scena musicale degli ultimi anni: ci si ferma convenzionalmente alle morti fisiche di Kurt Cobain e Jeff Buckley, mentre la morte metaforica del tutto è incarnata (a ragione) dall’attitude insopportabile di Pete Doherty dei Libertines. Si poteva osare, forse, un accenno al presente, almeno ai Radiohead, per fare un nome su tutti, a indicare se non altro le vie della contaminazione in cui il rock si reinventa continuamente.

Wild Thing [Id., Francia/USA 2010] REGIA Jérôme de Missolz.
SOGGETTO Jérôme de Missolz. MONTAGGIO Rémi Berge.
Documentario, durata 106 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly