adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Rip pieces America/Pieces and Love All to Hell/Weightless

lunedì 26 Marzo, 2012 | di Paola Gianderico
Rip pieces America/Pieces and Love All to Hell/Weightless
Festival
0
Facebooktwittermail

filmforum, Udine-Gorizia 20-29 marzo 2012
Flag as inappropriate
Esiste ancora una qualche forma di pudore nell’era social del voyerismo di massa?
E che ruolo hanno assunto le community sul controllo del flusso libero di informazioni multimediali, che costantemente bombarda soggetti fisici e virtuali?

Da queste premesse parte l’operazione “caccia al video” di Dominic Gagnon, approdato alla piattaforma digitale dopo dieci anni di filmmaking sulla strada. I sentieri dischiusi dalla rete, la possibilità di accedere immediatamente al materiale visivo e di coglierlo in tutta la sua essenza, hanno fatto innamorare quest’artista canadese che nei suoi found footage rielabora gli interventi amatoriali censurati su youtube. Il pensiero cartesiano totalmente riformulato, per cui “postare” oggi equivale a dare un segno della propria presenza nel mondo, viene salvaguardato e incoraggiato nelle installazioni che sconfessano l’America “Land of the free, brave and heart”. Rip pieces America, è un archivio dei volti in bassa risoluzione e delle parole degli invisible men, pixellati ma mostrati senza filtri e senza la presenza di un mediatore che dosi i contenuti del loro linguaggio. L’unico medium è la telecamera, puntata come un’arma contro l’immagine vincente degli States, demolita con maggiore violenza dal campionario di rabbia femminile di Pieces and Love All to Hell. Gagnon in entrambi i collage, si domanda se sia giusto parlare di un’etica 2.0 e se lo stesso popolo di internet non si stia rendendo complice di quel disegno che mira lentamente a sgretolare e oscurare la libertà d’espressione, issata a baluardo del mezzo fin dalla sua nascita. Nella “vita liquida” dai contorni indefiniti, i fenomeni del reale indegni di attenzione, che qui finalmente avrebbero trovato un canale di sfogo, continuano a fare paura e a essere percepiti come un abuso da segnalare tramite una bandierina, scudo per le ipocrisie di una società che preferisce volgere il proprio sguardo verso altre rassicuranti direzioni. Il problema culturale si materializza dunque nell’atto di protesta eseguito in Weightless, performance live ad infrarossi dove il peso della voce perde consistenza chiudendosi nel mutismo dell’autocensura, finché le forze lo consentono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly