adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

31° Premio “Sergio Amidei” – Intervista a Lorenzo Pellizzari

domenica 22 Luglio, 2012 | di Leonardo Cabrini
31° Premio “Sergio Amidei” – Intervista a Lorenzo Pellizzari
Festival
0
Facebooktwittermail

31° Premio “Sergio Amidei” – Premio Internazionale alla Migliore Sceneggiatura Cinematografica, Gorizia, 19-28 luglio 2012

Un altro cinema è possibile
Yevgeni Bauer, Raymond Griffith, Aleksandr Medvedkin, chi erano costoro? Quanto (o quanto poco) sappiamo della cinematografia nazionale slovena? Quanto è stato scritto di personalità come Satyajit Ray e Ousmane Sembene?

Il fascino dell’irreperibilità sembra, in questo caso, riaccendere uno spiraglio di antica cinefilia e riassestare, seppur in un’occasione così marginale, la cara vecchia immagine del critico-traghettatore. In quale altro luogo, infatti, può emergere quella funzione di mediazione tra opera e pubblico oramai obnubilata dall’invadenza della macchina industriale? A questo proposito, anche quest’anno, il Premio Amidei non dimentica di dedicare una corposa sezione al lavoro di Ugo Casiraghi, storica firma de l’Unità e della rivista istriana Panorama, in concomitanza con l’uscita di Storie dell’altro cinema, raccolta di saggi dell’autore dedicati, appunto, a quelle cinematografie e a quei cineasti, difficilmente recuperabili nei grandi circuiti. È Lorenzo Pellizzari, anch’egli critico cinematografico e storico della critica, a curare il presente volume, sorta di chiusura di una “serie” (dopo Alfabetiere del cinema, Naziskino, ebrei ed altri erranti e Vivement Truffaut!) dedicata al lavoro (che ricopre l’invidiabile arco di un sessantennio) di Casiraghi. Noi di Mediacritica abbiamo fatto due chiacchiere con Pellizzari dopo l’appagante visione di Testimoni silenziosi (Y. Bauer, 1914), discorrendo di Casiraghi, di critica cinematografica ieri e oggi, di cinema “altro”.
Mi ha colpito molto una sua frase, inserita nella nota introduttiva al volume, in cui parla di una volontà di Casiraghi “…di essere compreso da tutti, accessibile a tutti, al servizio del lettore. Tanto da far sentire a quest’ultimo, anche quando quel film non potrà mai vederlo (…) la possibilità di esserci, di essere al suo fianco nella visione”. Mi chiedevo se secondo lei, quando si parla di “cinema altro”, la critica possa, all’occorrenza, sostituirsi alla visione.
Questa frase era volutamente paradossale, ma esplicativa del fatto che i lettori de l’Unità, ai tempi, si fidavano ciecamente dei giudizi, delle interpretazioni, delle analisi di Casiraghi. Si può dire, infatti, un po’ provocatoriamente che leggere i film che Ugo recensiva fosse quasi come vederli assieme a lui.
È interessante infatti notare che, nonostante trattasse anche di un cinema pressoché invisibile, Casiraghi facesse parte di una critica divulgativa, aperta a tutti, con poche concessioni a tecnicismi e a termini ermetici. Lei trova sia, oggi, ancora possibile una distinzione tra critica quotidianista e critica specialista?
La critica quotidianista oggi ha perso la propria funzione. All’epoca di Casiraghi, il critico aveva una forte autorità riguardo all’orientamento della visione: era, in tutto per tutto, un mediatore culturale. Anche la critica più specializzata, se parliamo di un periodo compreso fra gli anni ’50 e gli anni ’80, era molto ben assestata. E poi, allora le fazioni erano molto più nette e le riviste si “scannavano” a vicenda: c’erano Cinema Nuovo, Ombre Rosse, Filmcritica, Cineforum, Cinema e Film… ognuna aveva i propri standard qualitativi, estetici, critici e lavorava con parametri forti. Anche ora la critica specialistica trova un suo spazio, mentre, nel coacervo di blog, fanzine e testate online, la critica quotidianista si trova in “un gran casino”. Certo, leggo volentieri MyMovies e leggo anche le recensioni dei lettori: alcune le trovo interessanti, molte altre pessime; ognuno ha però diritto ad esprimere la propria opinione…
In un’occasione lei parlò di Casiraghi come di un “vero comunista”. Quanto è importante la parola “critica” per un comunista?
È fondamentale. Casiraghi era un “vero comunista” perché non lo era fino in fondo. Era un “comunista critico” prima che un critico comunista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly