adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Archivio Aperto 2015: Hannes Schüpbach

domenica 1 Novembre, 2015 | di Francesco Grieco
Archivio Aperto 2015: Hannes Schüpbach
Festival
0
Facebooktwittermail

8° Archivio Aperto, 23 ottobre – 5 dicembre 2015, Bologna

Hannes Schüpbach – Il perdurare dell’istante nella memoria
Dopo l’anteprima, musicata dal vivo, di 14 Reels, film collettivo in Super8 di quattordici bobine, tutto montato in camera, opera di quattordici registi, tra cui Tonino De Bernardi, Massimo Bacigalupo, Boris Lehman, Alina Marazzi, l’ottava edizione di Archivio Aperto, a cura della benemerita associazione Home Movies, è entrata nel vivo del vasto e interessante programma, con l’incontro dedicato allo svizzero Hannes Schüpbach.

Proveniente dal mondo dell’arte figurativa, Schüpbach manifesta un evidente gusto paesaggistico, nei suoi corti muti in 16 mm, pieni di acqua che scorre, alberi, montagne, ma non per questo rinuncia all’umano. Il suo è un cinema di forte impatto emotivo e, allo stesso tempo, anche un cinema di riflessione sul tempo, sulla memoria e sul movimento.
Sottoponendosi alle domande del partecipe pubblico bolognese, Schüpbach ha commentato dapprima due corti lontani tra loro, nella successione cronologica della sua filmografia: Portrait Mariage del 2000 e il magnifico Instants, del 2012. Nella seconda parte dell’incontro, invece, è stata proiettata la trilogia del 2011 costituitamediacritica_schupbach_290 da Spin, Verso e Contour, quest’ultimo realizzato rimontando alcune scene degli altri due.
Portrait Mariage è il film che più ricorda i tanti home movies matrimoniali, ma qui l’intento non è, ovviamente, quello di documentare un lieto (?) evento, quanto di sovrapporre ed intersecare le immagini degli sposi, i loro abbracci, le varie fasi della cerimonia, i festeggiamenti, tutto ripreso con inquadrature ravvicinate e dettagliate, soprattutto di braccia e mani, con tessuti, paesaggi, fiori, oppure con i particolari degli affreschi della chiesa, a volte seguendo chiare associazioni, come quelle che partono dal cibo. Stacchi rapidi e colori forti sono le scelte estetiche e di linguaggio di questo film affascinante, montato direttamente in camera, a differenza di Instants.
Instants, invece, è un film più distaccato e ragionato, il più teorico tra quelli proiettati, nel suo riuscito tentativo di mostrare come si alternano le cose nella mente, come si collegano immagini diverse, qual è il rapporto tra stasi e movimento. La mano che scrive di Joel-Claude Meffre, un cane che salta, figure femminili quasi impercettibili, aliti di vento che muovono le foglie, istanti di un tempo quotidiano registrati in immagini fisse o in movimento, in questo film che sembra simulare una visione imperfetta ma intensificata del reale, tra le ripetizioni di un ritmo visivo di precisione sorprendente, con lo schermo bianco di alcuni fotogrammi che pare restituire l’accecarsi dell’occhio al sole.
In Spin, Verso e Contour la figura umana è rappresentata dai due anziani genitori del regista, piegati anche loro alla poetica schüpbachiana dell’iterazione e del rapporto uomo-natura. Le immagini sfocate di Contour ne confermano la natura fondamentale di opera sulla rielaborazione della memoria e delle immagini, ma rimandano anche a un approccio più fisico e corporeo alla realtà, filtrata da un occhio che non bada al singolo dettaglio e si fa soggetto di uno sguardo più onnicomprensivo e intuitivo.

Portrait Mariage [id., Svizzera 2000] REGIA Hannes Schüpbach.
Cortometraggio, durata 9 minuti.

Spin/Verso/Contour [id., Svizzera 2011] REGIA Hannes Schüpbach.
Trilogia di cortometraggi, durata 12, 13, 16 minuti.

Instants [id., Svizzera 2012] REGIA Hannes Schüpbach.
Cortometraggio, durata 16 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly