adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Comfort Zone: intervista alla regista Perla Sardella

giovedì 26 Novembre, 2015 | di Marco Longo
Comfort Zone: intervista alla regista Perla Sardella
Festival
0
Facebooktwittermail

33° Torino Film Festival, 20 – 28 novembre 2015, Torino

Viaggio alla ricerca dell’altro
In concorso nella sezione “Italiana.Corti” del 33° Torino Film Festival, Comfort Zone è il racconto, a metà tra documentario e finzione, di un viaggio in una città sconosciuta, Dubai. Il film è basato sugli scatti autentici del giovane Hafid, che dopo aver rubato un telefono cellulare ha dimenticato di disattivare l’autosincronizzazione delle foto, permettendo alla legittima proprietaria di vedere sul proprio computer le immagini che Hafid raccoglieva.

Nella ricerca frustrata che separa i due personaggi, la macchina da presa si frappone come terzo personaggio e snodo di congiunzione, riflettendo sugli spazi reali e digitali e la loro connessione con l’essere umano. Mediacritica intervista la regista Perla Sardella, al suo esordio nel cortometraggio.mediacritica_perla_sardella_290
Il tuo cortometraggio si colloca in quel territorio di ricerca dove la realtà dialoga con la finzione. Qual è stato lo spunto di partenza al film e come hai deciso di elaborarlo per dare forma al tuo lavoro?
È stato difficilissimo dare una struttura al film. Sono partita da un fatto di attualità e, nel tentativo di dare un seguito alla storia, presto è entrata in gioco anche la finzione. Il viaggio alla ricerca di Hafid è la parte documentaria, di cui non potevo prevedere l’esito. Sono arrivata a Dubai per le riprese con un abbozzo di sceneggiatura, senza un’attrice e con l’idea di frequentare i luoghi delle foto di Hafid. Il resto è venuto, non da sé, ma dopo innumerevoli tentativi. Questa impreparazione di partenza ha esposto il film a un’iniziale debolezza, ma è servita per esplorare lo stato d’animo che si incontra di fronte al fallimento. In ogni caso, il tutto ha preso forma solo in fase di montaggio. È stato un lavoro di sintesi e riduzione continue per cercare di ricostruire l’atmosfera dei luoghi.
Nella vicenda sospesa tra Sophie e Hafid, cosa ha comportato muoverti con la camera in un luogo a te estraneo come Dubai?
La camera è smarrita perché non trova quel che cerca (o forse perché non sa esattamente cosa cercare): essere in un luogo sconosciuto è sicuramente servito a restituire un sentimento di smarrimento, ma l’aspetto più straniante è stato determinare una regola, un limite, per percorrere la città. Ho tracciato un itinerario a partire dalle foto di Hafid, e ho iniziato a frequentare i luoghi che egli stesso frequentava, quasi sperando di imbattermi in lui: fortunatamente non l’ho mai incontrato. Dubai è una città marziana ricavata dal deserto, è uno di quei luoghi in cui tutto funziona, destinato presto a diventare una realtà di spaventosa rassegnazione. È costruita come un aeroporto: tutto facile da raggiungere, tutto al coperto. Chi si sposta al suo interno segue precise indicazioni. Come su un nastro trasportatore, si ha sempre la sensazione di non spostarsi mai, o di percorrere sempre lo stesso spazio, rimanendo al sicuro.
Il corto ragiona anche su un altro tipo di spazio, quello virtuale, fatto di opportunità e insieme frustrazioni. La scelta di inserire didascalie in sovrimpressione al film, simili a status dei social o messaggi web, è connessa a questa riflessione?
Cosa c’è di più frustante e impersonale del non poter usare la propria voce per comunicare? Ho utilizzato la scrittura, piuttosto che una voice over, perché è la forma di espressione autoreferenziale per eccellenza. È una scelta dettata anche dalle circostanze: non ho mai incontrato Hafid e non gli ho mai parlato. Gli ho sempre e solo scritto, senza peraltro ricevere mai risposta. Nello scrivere quei messaggi avrei voluto avere un ascoltatore e magari anche un interlocutore, ma non è mai accaduto: nel film dunque il monologo non diventa mai dialogo. Se cambia, si trasforma piuttosto in diario, e si limita a creare un resoconto degli avvenimenti, tenendo sempre presente che per Hafid tutto questo non è mai successo.
Nell’approcciare il tuo lavoro, quali sono stati i tuoi principali riferimenti?
La ricerca è partita dallo studio delle modalità con cui il cinema documentario riesce a far trasparire l’autoreferenza dell’autore (autobiografia, lettera e diario): ho letto e visto tutto quello che sono riuscita a reperire a riguardo, e da lì ho spostato l’attenzione al cinema di finzione. Di sicuro fra le basi fondamentali ci sono stati Blow Up di Michelangelo Antonioni e The Address Book, il libro/esperimento artistico di Sophie Calle. Non posso non citare Sans Soleil di Chris Marker e Letter to Jane di Godard e Gorin. E poi molte altre suggestioni, anche insospettabili, come per Children of Men di Alfonso Cuaròn. Ma il riferimento davvero imprescindibile resta News from Home di Chantal Akerman.

Comfort Zone [Italia 2015] REGIA Perla Sardella.
CAST Sona Hovhannisyan.
SOGGETTO Perla Sardella. FOTOGRAFIA Perla Sardella. MUSICHE Carlo Maria Amadio.
Documentario, durata 13 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly