adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

16° Festival del cortometraggio Passaggi D’Autore: Intrecci mediterranei

martedì 5 Gennaio, 2021 | di Edoardo Peretti
16° Festival del cortometraggio Passaggi D’Autore: Intrecci mediterranei
Passaggi d'Autore
0
Facebooktwittermail

Passaggi d’autore, 3-8 dicembre 2020

Mare Nostrum
Il fulcro del festival sardo (la sede è Sant’Antioco, cittadina del Sulcis) Passaggi D’Autore:  Intrecci Mediterranei, la cui sedicesima edizione si è svolta dal 3 all’8 dicembre 2020, è la mappatura dei cinema dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, con le relative tendenze, le poetiche e gli stili più o meno dominanti, e i conseguenti sguardi sulle realtà. Ventiquattro sono stati i cortometraggi selezionati in Intrecci Mediterranei, la sezione quindi in qualche modo più identitaria della manifestazione. 

Da molte di queste opere traspare l’idea che il Mare sia “nostrum” fino a un certo punto. Inevitabile infatti che molti film raccontino non solo drammatiche questioni legate alle migrazioni, ma anche altri tipi di sradicamenti, muri, odi e diffidenze, o incontri che smuovono consapevolezze e coscienze. È il caso questo del bellissimo White Eye dell’israeliano Tomer Shushan, dove l’incrocio tra due strade diventa teatro di una drammatica presa di consapevolezza dell’altro e delle sue condizioni. Il climax emotivo del protagonista che passa dall’autoreferenzialità alla coscienza viene reso soprattutto grazie alla perizia stilistica e ad un virtuosismo mai eccessivo, con piani sequenza, la cinepresa mobile pedinatrice e scandagliatrice e la profondità di campo, adatti a far emergere le questioni più profonde della vicenda.

Un’altra ottica con cui raccontare l’emigrazione è quella scelta dal marocchino Le depart di Xavier Sirven, un film dolce nella sua amarezza che tratteggia, concentrandosi sull’intimo e sulla quotidianità più emotiva, lo sradicamento di un bambino dalla sua realtà, con una maniera di raccontare l’infanzia che può ricordare François Truffaut. I bambini non si limitano a guardarci nel palestinese The Present di Farah Nabulsi e nell’egiziano Henet ward di Morad Mostafa, ma le loro improvvise azioni diventano decisive nel superare l’impasse dovuta ai muri, fisici o culturali, di cemento o sedimentati nella diffidenza tra etnie diverse; in particolare nel caso del corto egiziano, fino a quel momento un buon film realista come tanti, l’intervento finale della bambina dà all’opera un senso beffardo e irriverente, arricchendola. 

I bambini sono protagonisti anche in Maradona’s Legs del palestinese Firas Khoury, quasi una “commedia di formazione” ambientata nel corso dei mondiali di Italia ‘90. Sullo sfondo riecheggiano le prese di consapevolezza e la rabbia di un popolo, evidenti tanto quanto distanti il giusto da non far perdere la centralità delle condizioni intime e dei desideri dei due giovani fratelli calciofili. Il film riesce anche a rendere con efficacia il valore simbolico e iconico del calcio, di come il suo impatto possa andare ben oltre la pura arte pedatoria. 

Questi sono tutti film che in qualche modo si rifanno ad un certo – semplificando – realismo di fondo. Quasi surreale e circense, e cattivello nei confronti della chiusura mentale della società, è invece Sukar del marocchino Ilias El Faris, una storia d’amore tra due adolescenti ambientata su una spiaggia, dove avvengono incontri e scontri paradossali e quasi slapstick. Trascende il realismo anche il francese Olla di Ariane Labed, durissima e sarcastica – ma non cinica – cronaca di una ribellione e di una fuga da un contesto famigliare asettico, chiuso e nella sostanza becero e cattivo, perfettamente reso da una regia, distaccata ma non algida, estremamente consapevole nel rendere “significante” il lavoro sulle geometrie, sui colori e sugli spazi dell’inquadratura. Forse, il film migliore della sezione.

Dai ghigni acri dell’ottimo film della Labed alle emozioni più calde di À la mer poussière della francese Héloïse Ferlay, un film d’animazione in stop motion con protagonisti pupazzetti di lana e validissimo esempio di quella corrente dell’animazione francofona “emozionale”, evocativa e sperimentale: si veda l’utilizzo della materialità della lana nel trasmettere stati d’animo ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly