adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Berlinale 71: “The Scary of Sixty-First” e “Tzarevna Scaling”

sabato 6 Marzo, 2021 | di Maria Eleonora C. Mollard
Berlinale 71: “The Scary of Sixty-First” e “Tzarevna Scaling”
Berlinale
0
Facebooktwittermail

Due esordi eccellenti
Un’estetica forgiata da principi di liberazione psicologica, sessuale e politica e il disprezzo per la cultura dell’oblio; la legittimazione della fiaba e una vita che sia priva di compromessi. Questo  accomuna due esclusi eccellenti, almeno per chi scrive, dall’assegnazione dei premi alla 71esima edizione del Festival di Berlino: The Scary of Sixty-First (sezione Encounters) e Tzarevna Scaling (sezione Forum).

Tzarevna Scaling, debutto di Uldus Bakhtiozina (classe ‘86), è l’incontro ipotetico tra i sogni lucidi e acidi di Jan Švankmajer e il rigore visivamente poetico di Sergej Paradžanov. Polina è la figlia di un pescatore divorata dalla quotidianità nel lavoro dentro un food truck, dall’incapacità di trovare uno scopo che la risvegli dal torpore emotivo, e avvilita da un sonno che è tutto fuorché ristoratore. Una babushka, in cerca di cibo per i suoi gatti, le offre un tè ristoratore che porterà la giovane Polina in una personale fiaba russa. Polina diventerà, finalmente, la protagonista della sua stessa vita cercando la “tzarevna” che è in lei, affrontando prove tra il serio e il faceto, donne inquietanti e uno scenario degno dei migliori servizi fotografici che potete trovare su Vogue.

Non è un caso, appunto, che la regista abbia fatto la “gavetta” lavorando per Gucci, dirigendo cortometraggi di moda e lavorando come fotografa, tanto da essere nominata da Vogue Italia come Miglior fotografa al Photovogue. Non c’è niente di nuovo nel suo tentativo di cambiare il mondo attraverso l’arte, ma la cura nei dettagli (nel film riveste anche il ruolo di costume designer), e l’aura in bilico tra videoarte, photoshoot e cinema narrativo del passato, donano a Tzarevna Scaling un raro equilibrio tra tridimensionalità e leggerezza, lasciando addosso al pubblico il profumo di una gioventù destinata a non finire mai e il sorriso che permane al risveglio dopo un bel sogno.

Più creepy, per quanto abbia parecchie venature comiche, The Scary of Sixty-First, tra omaggi a Eyes Wide Shut e j’accuse sussurrati a denti stretti. Dasha Nekrasova, al suo debutto, porta una estetica che oscilla tra i frame soft porn di Tumblr e i servizi patinati sui primi numeri di Penthouse: impossibile non adorarlo. La podcaster ha sviluppato l’idea dopo il suicidio (?) di Jeffrey Epstein portando alla Berlinale una delle teorie che circolano sull’uomo: Epstein è stato ucciso? Addie (Betsey Brown) e Noelle (Madeline Quinn), si sono appena trasferite a Manhattan, in uno degli appartamenti che apparteneva al pedofilo ed ex uomo d’affari newyorkese Epstein. La convivenza sembra procedere serenamente finché per Addie non iniziano gli incubi, e nella vita della cinica Noelle arriva una ragazza, senza nome, interpretata dalla stessa Nekrasova. Inizia così per Noelle e la ragazza una relazione sentimentale e tossica, fatta di ricerche ossessive sulla morte di Epstein mentre, parallelamente, Addie viene posseduta dallo spirito dell’appartamento, tanto da masturbarsi ossessivamente sulle foto del principe Andrew, in scene che hanno lo stesso fascino di un incidente mortale su strada: non vuoi guardare eppure ci butti lo stesso un’occhiata. Al di là della cura estetica, dei momenti camp e di un finale che strappa un sorriso, The Scary of Sixty-First è l’accusa, senza pretese moraleggianti o intellettuali, nei confronti di un paese che non ha memoria, soprattutto quando si tratta di trattenere gli episodi più vergognosi della storia americana che coinvolge fin troppi nomi importanti, dalla politica allo spettacolo passando per la Royal Family. 

Thomas Wolfe, un grande autore poco conosciuto in Italia, scriveva agli inizi del secolo scorso che  l’America, a un certo punto, aveva perso la propria strada e che, in quanto esseri umani, siamo sempre spinti in avanti con la speranza, un giorno, di essere ritrovati e perdonati. Per Dasha Nekrasova alcune cose non possono essere perdonate perché non devono essere dimenticate, e The Scary of Sixty-First è l’orrore che dobbiamo portarci negli occhi per non ripetere i soliti errori.

The Scary of Sixty-First [id., USA 2021] REGIA Dasha Nekrasova.
CAST Betsey Brown, Madeline Quinn, Dasha Nekrasova.
SCENEGGIATURA Madeline Quinn, Dasha Nekrasova.
FOTOGRAFIA Hunter Zimny. MUSICHE Eli Keszler.
Horror/Thriller, durata 81 minuti.

The Fisherman’s Daughter [Tzarevna Scaling, Russia 2020] REGIA Uldus Bakhtiozina. 
CAST Viktoria Assovskaya, Uldus Bakhtiozina, Albina Berens, Alina Korol.
SCENEGGIATURA Uldus Bakhtiozina. FOTOGRAFIA Uldus Bakhtiozina. 
Commedia/Drammatico, durata 70 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly