adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il cattivo poeta

sabato 24 Luglio, 2021 | di Vito Mario Piazza
Il cattivo poeta
Festival
0
Facebooktwittermail

Il crepuscolo degli idoli
Nel 1936 Gabriele D’Annunzio (soprav)vive in isolamento al Vittoriale, dove segue sempre più amareggiato la politica estera di Mussolini, ormai in procinto di stringere alleanza con la Germania hitleriana. Nonostante l’età avanzata il suo carisma è intatto, e una sua eventuale presa di posizione pubblica rischierebbe di minare la fede degli italiani nel regime. Un allarmato Achille Starace, segretario del Partito Fascista, invia il giovanissimo federale Giovanni Comini – fascista convinto – nella sfarzosa abitazione del Vate, allo scopo di spiarlo e di sventare in tempo ogni sua manifestazione di dissenso.

Alla sua prima esperienza nel lungometraggio, Gianluca Jodice racconta una storia vera e tesse un racconto malinconico, dove una vibrante vicenda biografica si intreccia con un’obiettiva ricostruzione storica.

L’una e l’altra risultano reciprocamente ancillari, e l’opera si regge su una narrazione ellittica che offre non solo alcuni momenti salienti dell’ultimo D’Annunzio, ma anche un amaro affresco di un Paese irrimediabilmente prossimo al baratro totalitario, dove le scelte non sembrano più procrastinabili e dove l’assunzione diretta di responsabilità è parametro di vera, necessaria umanità. Esule volontario e dolente, debilitato dai farmaci, da ormai fiacche stravaganze sessuali e dalla cocaina, eppure ancora intellettualmente vispo e dall’eloquio cristallino, rapace e fiammeggiante: appare così Gabriele D’Annunzio. Come una tigre in gabbia che non si rassegna alla tirannia del tempo, incapace di accantonare la vis guerriera degli anni fiumani, il Vate è corroso da un terribile tarlo: la coscienza della propria sostanziale irrilevanza pubblica, prodromica della morte.

Il suo spirito vaticinatore può esprimersi ormai solo nella periferica, ininfluente dimora di Gardone Riviera, dove il regime lo iberna in ossequio al diktat mussoliniano: «D’Annunzio è come un dente guasto: o lo si estirpa o lo si ricopre d’oro». Co-protagonista del crepuscolo di quello che un tempo era stato un idolo è il giovane Giovanni Comini, il cui personaggio è il vero campo di battaglia e il fulcro emotivo della storia. È sulla sua (ancora immatura e impreparata) psiche che Il cattivo poeta riesce a oggettivare, accennandolo, quello spaccato storico che vide dividersi gli italiani tra coloro che intuirono la catastrofe serbata in seno all’asse Roma-Berlino e coloro i quali, invece, rimasero silenti e complici di fronte alla barbarie. In tal senso l’operazione di Jodice si muove con il necessario tatto sui margini cicatriziali che all’epoca, sebbene ancora in nuce, risultavano ben ravvisabili. Spaccature, queste, che vengono ben tratteggiate da una regia parca e posata, che non cede al virtuosismo e che si innesta su un approccio realista, rimanendo comunque più che eloquente.

Con la grande Storia sullo sfondo, sono le “piccole”, intime storie personali a emergere nel loro minuto lirismo intriso dai dubbi, dai timori e da più che giustificate angosce. Sono i dettagli più dimessi a nutrire il racconto e a vivificare i personaggi. La tempra dannunziana è resa alla perfezione dall’adamantina interpretazione di Castellitto. La sua calibratissima prossemica e la sua abilità mimetica concretizzano una senilità poetica e travolgente, che trova perfetto contraltare negli attoniti sguardi di un Francesco Patanè scisso tra cuore e ragion di Stato e attirato, infine, al centro di un orbita – umana, prima che storica e ideologica – che su di lui finisce col deflagrare. Splendida la magniloquenza dei costumi di Andrea Cavalletto, talvolta assoluti protagonisti di un profilmico capace di rapire lo sguardo con pochi ed essenziali tratti.

  • Regia: Gianluca Jodice
  • Soggetto: Gianluca Jodice
  • Sceneggiatura: Gianluca Jodice
  • Fotografia: Daniele Ciprì
  • Montaggio: Simona Paggi
  • Scenografia: Tonino Zera
  • Costumi: Andrea Cavalletto
  • Musiche: Michele Braga
  • Produzione: Ascent Film e Bathysphere con Rai Cinema
  • Distribuzione: 01 Distribution
  • Origine: Italia, 2020
  • Durata: 106’
  • Premi: Nastro d’Argento (2021) per la migliore fotografia (Daniele Ciprì) e per i migliori costumi (Andrea Cavalletto)
  • Protagonista: Sergio Castellitto (Gabriele D’Annunzio)
  • Interpreti: Francesco Patanè (Giovanni Comini), Tommaso Ragno (Giancarlo Maroni), Clotilde Courau (Amélie Mazoyer), Fausto Russo Alesi (Achille Starace), Massimiliano Rossi (Commissario Rizzo), Elena Bucci (Luisa Baccara), Lidiya Liberman (Lina), Janina Rudenska (Emy), Lino Musella (Carletto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly