adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

The Accountant

sabato 29 ottobre, 2016 | di Massimo Padoin
The Accountant
In sala
3
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Le conseguenze della contabilità
Preciso, metodico, impassibile, anonimo e professionale. Così appare Christian Wolff, contabile di Chicago, persona mite che vive in una casa vuota ad altre persone se non per lui stesso. Ma anche dietro la più mite e noiosa delle apparenze si nasconde una seconda esistenza diametralmente opposta, quella di contabile chiamato ad assistere alcune per tra le più potenti organizzazioni criminali del mondo.

The Accountant ci svela subito questo dettaglio: un’indagine del Dipartimento del tesoro intende scoprire l’identità di Christian, ma questa rimarrà sempre una vicenda di contorno rispetto a quella centrale. Perché proprio come per l’uomo, le apparenze ingannano. Per una volta Christian è interessato a seguire un caso non criminale, una multinazionale di protesi, solo che dalle incongruenze di bilancio verrà a scoprire un segreto che metterà in pericolo lui e la sua nuova collaboratrice. mediacritica_the_accountant_290
The Accountant, finché gioca sul parallelismo dicotomico di una persona ai limiti della società, funziona, nella regia attenta a riproporre l’assoluta perfezione di una persona che vive nel rigido mantenimento di un equilibrio tra una doppia vita e una forma d’autismo. Tutto calcolato: il momento in cui aprire il portone del garage, la disposizione del cibo, anche i momenti di lucida follia in cui con luce stroboscopica, musica hardcore e un manganello che sfoga su se stesso, attende il minuto esatto per prendere le medicine. Christian è un personaggio che affascina nella sua piena impassibilità (non si può dire che la scelta di Ben Affleck sia sbagliata); il problema sorge quando il protagonista si dimostra non solo un contabile dalla doppia esistenza, ma anche un’autentica macchina di morte. The Accountant si sorregge su continue dicotomie, a partire dal personaggio fino al genere, che si trasforma via via in action movie duro e puro. Scelta davvero poco felice che appiattisce la pellicola attraverso una serie di scontatezze. Nonostante questa sua seconda natura sia perfettamente integrata narrativamente, con un rapporto tra padre (ufficiale militare) e fratello (cui il destino è parallelo ma opposto) contestualizzato e centrale nel racconto. La freddezza di un matematico calcolatore si riversa nella freddezza di un assassino implacabile e impassibile: sarebbe anche un’intuizione funzionale ma del tutto non empatica. Vedendo The Accountant è quasi impossibile non pensare a Titta Di Girolamo de Le conseguenze dell’amore, in cui la geometrica perfezione anafettiva delle esistenze dei due protagonisti viene a scontrarsi con le imprevedibili conseguenze che i sentimenti comportano. Ma la differenza sta nella discrezione di queste conseguenze, la lentezza nel film di Sorrentino diviene arma perfetta e implacabile di un cambiamento profondo e devastante molto più della reazione violenta e fracassona di Christian Wolff, sostanzialmente vuota.

The Accountant [id., USA 2016] REGIA Gavin O’Connor.
CAST Ben Affleck, Anna Kendrick, J.K. Simmons, Jon Bernthal.
SCENEGGIATURA Bill Dubuque. FOTOGRAFIA Seamus McGarvey. MUSICHE Mark Isham.
Thriller/Drammatico, durata 128 minuti.

The Accountant
3 4 60%

3 Comments

  1. stefano marinozzi says:

    esce un bel film , quelli con una sceneggiatura straordinaria e che fanno i critici gli danno addosso, è già successo con la cura del benessere , slevin , capitan fantastic, venom, vanno a trovare il pelo nell’uovo ma andate a fare in culo

    • StefanoL says:

      I critici sono, come al solito, gli unici a stare davvero dalla parte del pubblico, gli unici che rispettano la sua intelligenza proponendogli analisi alle volte impegnative. Sono registi e produttori che, tipicamente, ci trattano come un bimbo capriccioso cui bisogna vendere le caramelle. Il vero problema è che il pubblico non vuole essere rispettato.

    • Antonio says:

      Sarebbe interessante vedere cosa si intende qui con sceneggiatura straordinaria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly