adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Waiting for the Barbarians

domenica 8 Settembre, 2019 | di Francesco Grieco
Waiting for the Barbarians
Festival di Venezia
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

76. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 28 agosto – 7 settembre 2019, Lido di Venezia

Il classicismo meticcio di Ciro Guerra
Waiting for the Barbarians è una coproduzione Stati Uniti/Italia ed è il film con cui la Iervolino Entertainment fa il salto nel cinema che conta. Proprio in Italia, oltre che in Marocco, sono state effettuate le riprese di questa trasposizione molto fedele del romanzo omonimo di Coetzee, sceneggiata dallo stesso scrittore, in cui la rappresentazione dello spazio ha una grande importanza.

In particolare, nel loro fascino desertico, nella loro calda luce naturale, si ritagliano un ruolo da coprotagonista i luoghi scelti per ambientare gli esterni, filmati con il consueto talento visivo da Guerra e dall’esperto direttore della fotografia Chris Menges (Mission, Le tre sepolture) che, tra luci di torce o candele e blu notturni, rinuncia ai colori desaturati da film in costume, sottolineando la modernità di un passato di violenze dell’uomo sull’uomo, tanto indefinito quanto attuale.
Film di frontiera, in cui la questione centrale è chi sta dentro/chi sta fuori, chi comanda/chi obbedisce, chi appartiene per etnia e atavico privilegio all’Impero coloniale/chi ne è escluso, Waiting for the Barbarians fa del meticciato un programma. Così, nelle location mediterranee si muovono attori rigorosamente occidentali (il mite Rylance, il sadico Pattinson dai denti leggermente troppo lunghi proprio come Coetzee descrive il suo personaggio, l’inquietante Depp, sguardo fisso e volto senza rughe da manichino, cazzimma militaresca alla M. Bison e occhiali da sole alla Pinochet), ma anche comparse dai volti nordafricani, mentre i “barbari” hanno tratti asiatici, come l’attrice mongola Gana Bayarsaikhan, oppure somigliano, nella lingua e nel volto, ai nativi dell’America settentrionale o centromeridionale.
Il film piacerà di più a chi non ha letto il romanzo di Coetzee e a chi non ha mai visto i film precedenti di Ciro Guerra (viaggi esistenziali a due come La sombra del caminante e lo straordinario Los viajes del viento, suggestive riflessioni sullo scontro tra culture come El abrazo de la serpiente e Oro verde). Fuori dalla sua Colombia, il cinema di Guerra perde un po’ di profondità e originalità, si adagia in alcuni momenti sulla confortante medietà del cinema-esperanto da festival, abbandona l’urgenza che lo aveva contraddistinto. In più, nei confronti del libro, il film non restituisce né quell’ossessività del pensiero che era tutt’uno con la prima persona singolare del protagonista e narratore, l’angosciato magistrato interpretato da Rylance, né le mille sfumature – anche erotiche – del suo rapporto con la donna “barbara” e della personalità di costei, nel film per nulla approfonditi. Ma nella semplificazione del passaggio dalla pagina scritta all’audiovisivo, Guerra dimostra una capacità di sintesi narrativa, una classicità dello stile, un’abilità nel dirigere i suoi interpreti, un ritmo piano ma non estenuante, che fanno sperare in una sua carriera hollywoodiana, magari parallela a progetti più personali e autoriali, meno tradizionali.

Waiting for the Barbarians [id., Italia/USA 2019] REGIA Ciro Guerra.
CAST Mark Rylance, Johnny Depp, Robert Pattinson, Gana Bayarsaikhan.
SCENEGGIATURA John Maxwell Coetzee (tratto dall’omonimo romanzo di J.M. Coetzee). FOTOGRAFIA Chris Menges. MUSICHE Giampiero Ambrosi.
Drammatico, durata 112 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly