adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Amy – The Girl Behind the Name

sabato 19 Settembre, 2015 | di Teresa Nannucci
Amy – The Girl Behind the Name
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

La ragazza dietro all’icona
Amy Winehouse è presentata, forse per la prima volta, al grande pubblico come una ragazza, ancor prima che come una talentuosa cantante problematica e poliedrica: questo è in fondo l’obiettivo di Asif Kapadia, che cerca con semplicità e rispetto di andare oltre le costruzioni mediatiche di cui Amy è stata in molti sensi vittima.

Asif Kapadia conferma con il documentario Amy – The Girl Behind the Name la sua capacità di affrontare tematiche e personaggi molto complicati, troppo spesso celati loro malgrado dal mito che li precede, positivo o negativo che sia. Era il caso di Ayrton Senna, le cui gesta venivano ripercorse dal regista nell’omonimo documentario, il quale senza dubbio trovava uno dei suoi elementi più forti in una sostanziale sospensione del giudizio. mediacritica_amy_290La stessa cosa si ritrova anche in Amy, in cui si nota lo sforzo ineluttabile di presentare i fatti, che non lascerebbero scampo a quelle stesse giustificazioni e relativizzazioni di cui ognuno di noi ha invece il privilegio di avvalersi. La dolcezza dello sguardo della macchina da presa che accarezza Amy e la sua famiglia spesso non appartiene alla maestria del regista, bensì all’intimità inimitabile racchiusa dai legami familiari, da cui emerge inevitabilmente la ragazza naturale nascosta dietro l’icona pop. Il problematico rapporto con se stessa e il mondo esterno che la giovane cantante ha subito nella sua esistenza emergono come una dialettica interiore, poco riscontrata nella diffusione mediatica che ha invece accompagnato come una condanna a morte gli alti e bassi della carriera della cantante. Kapadia si mantiene comunque lontano dal giudicare una fazione in favore dell’altra, dando quindi l’impressione di volere che siano i fatti a parlare e a reclamare una giustizia che forse non sussiste nemmeno. Tutto questo viene reso sul grande schermo dalla dolcezza non solo del padre della cantante che, con la sua collaborazione, ha permesso la realizzazione di questo documentario, ma anche del regista che, come ha già dimostrato di saper fare, gioca con il ritmo del film senza far pesare una durata comunque notevole. Basti pensare a The Warrior e a Senna per rendersi conto della costanza dei risultati che Kapadia è stato capace di creare. Il respiro lento e sapiente che accompagna le immagini per oltre due ore viene costellato di momenti molto interessanti e variegati che potrebbero dar vita a riflessioni, squisitamente cinematografiche, lunghe e articolate. Con la sua poesia a far da contorno ad immagini per molti versi autonome, Amy è anche, commercialmente parlando, il prototipo perfetto del film da Festival: in gran parte distribuito in varie manifestazioni nel mondo, anche la distribuzione nelle sale è stata affrontata con una strategia da evento, che conferisce indubbio risalto ad un film come questo.

Amy – The Girl Behind the Name [id., Gran Bretagna 2015] REGIA Asif Kapadia.
SOGGETTO Asif Kapadia. FOTOGRAFIA Matt Curtis. MUSICHE Amy Winehouse, Antonio Pinto.
Documentario, durata 128 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly