adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Veloce come il vento

sabato 9 Aprile, 2016 | di Massimo Padoin
Veloce come il vento
In sala
4
Facebooktwittermail
Voto autore:

Emilia Race
C’è sempre un’ambivalenza nel prendere come punto di riferimento un modello espressivo. La crescita del cinema medio italiano di questi ultimi anni è passata attraverso la lezione di quello statunitense e l’atteggiamento che quest’ultimo ha da sempre avuto nei confronti del cinema di genere. I vari Sollima, Cupellini, Manetti Bros., Incerti, Mainetti si sono concessi la libertà dell’intrattenimento partendo sempre da una base perfettamente codificata, mantenendo alcuni dei paradigmi di un cinema d’impegno europeo. A questa schiera di registi va ad aggiungersi anche Matteo Rovere.

Veloce come il vento affronta un genere quasi del tutto assente nella cinematografia italiana: il motor movie votato principalmente all’azione adrenalinica delle corse, quelle di Gran Turismo intraprese dalla giovane Giulia assieme al padre, molto da vicino come quelle viste in Rush. Se questa facciata rappresenta quella più prevedibile nel genere, mediacritica_veloce_come_il_vento_290ben resa dalla regia enfatizzata da ralenti e dinamica di Rovere, Veloce come il vento inserisce fin dall’inizio un elemento meno scontato, la morte per infarto del padre di Giulia alla prima gara accompagnata da una preghiera con la voce di entrambi. La vita e la morte sull’asfalto: in questo caso non è un incidente a suggellare l’unione, come spesso accade, ma una morte naturale che eleva, e in certo senso spiritualizza, l’evento sportivo in sé. La morte sopraggiunge non per la ricerca adrenalinica del pericolo, ma per il naturale prosieguo della vita, e quella di Giulia e suo padre sono le corse. L’Emilia e la velocità, le Lamborghini e le Porsche in mezzo a casolari di campagna: anche questo è Veloce come il vento. Quello che sembra un ossimoro, rappresenta invece un connubio reale e viscerale tra un territorio e i motori. L’adrenalina della perdita del controllo segue di pari passo la forte dizione emiliana dei suoi protagonisti, rappresentando l’elemento più personale in una pellicola che, seppur legata a un modello, lo trascende. Veloce come il vento principalmente racconta due storie di riscatto sociale, che rappresentano maggiormente la sua eredità nei confronti del cinema statunitense: quella di Giulia, ritrovatasi improvvisamente sola con un fratellino a carico, e quella del fratello maggiore Loris, ex leggenda del rally e ora tossicodipendente. È il racconto di due emarginati che lottano per un riscatto comune, tradendo la forte impronta retorica made in Usa per l’importanza di un obiettivo: salvare la propria casa dall’ipoteca fatta per gareggiare al campionato di Gran Turismo. Il loro rapporto nasce in maniera utilitaristica, lui come improbabile allenatore e lei come scettica allieva, e cresce affettivamente di pari passo al loro riscatto, sportivamente e socialmente. Questo dona una solidità narrativa che, unita all’efficace regia, fanno di Veloce come il vento una pellicola concreta e riuscita, ma una domanda cresce per tutta la sua durata, un interrogativo che non è circoscritto alla pellicola di Rovere ed è direttamente collegata a quella ambivalenza di cui si parlava all’inizio: questo modello può essere utilizzato come spunto senza perdere una propria identità? Veloce come il vento lo fa attraverso la sua connotazione territoriale apparentemente ossimorica, e quella cadenza emiliana che ne fanno una piacevole pellicola di globalismo provinciale.

Veloce come il vento [Italia 2016] REGIA Matteo Rovere.
CAST Matilda de Angelis, Stefano Accorsi, Roberta Mattei, Paolo Graziosi.
SCENEGGIATURA Matteo Rovere, Filippo Gravino, Francesca Maniera. FOTOGRAFIA Michele D’Attanasio. MUSICHE Andrea Farri.
Drammatico/Azione, durata 119 minuti.

4 Comments

  1. Iris says:

    Gran bel film! Ci vuole coraggio, già solo per questo va premiato

  2. harley_quinn says:

    Film straordinario. Non uscivo dal cinema entusiasta da moltissimo tempo!

  3. clarakay says:

    bel film anche d’azione! finalmente una parte che valorizza Stefano Accorsi, che ultimamente sembrava totalmente incapace di recitare…

  4. Spencer says:

    Recuperato recentemente, un buon film, soprattutto per come sviluppa il rapporto tra i due protagonisti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly