adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il collezionista di carte

sabato 11 Settembre, 2021 | di Juri Saitta
Il collezionista di carte
Venezia 78
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Alla ricerca della redenzione
La cinefilia e la carriera di Paul Schrader sono state spesso segnate dalla filmografia rigorosa e legata ai temi religiosi di Robert Bresson, autore che sembra aver influenzato anche l’ultima fatica del regista statunitense, Il collezionista di carte, presentata in concorso alla 78a Mostra del Cinema di Venezia.

Tramite la storia di William – un ex carceriere di Abu Ghraib che gira tra i casinò americani per giocare a poker e aiutare un ragazzo sbandato –, l’opera in questione affronta tematiche come la colpa, l’espiazione e la redenzione, trattate da un punto di vista sia collettivo sia individuale. Qui il riferimento alle torture di Abu Ghraib rimanda alle responsabilità di un Paese – gli Stati Uniti – che si sta rapportando nel modo più disparato con il suo recente passato: c’è chi lo ignora o lo dimentica, chi cerca vendetta per le ingiustizie subite e chi, come il protagonista, espia i propri peccati alla ricerca di pace e riscatto.

Infatti, William gioca a poker più per la lentezza e la rassicurante ripetitività dei suoi riti che per l’euforia data dall’azzardo, e non è dunque un caso che conduca una vita quasi monacale, sobria e lontana dagli eccessi tipici del suo ambiente: le sue puntate sono basse, si ferma quando è necessario, beve con moderazione e cerca di vivere in un ambiente puro coprendo i mobili delle stanze d’albergo in cui dorme con delle lenzuola bianche. Siamo dunque di fronte a un personaggio tipicamente schraderiano nelle sue ossessioni, ma anche vicino a diversi protagonisti bressoniani nella sua ricerca di una redenzione e di una grazia che lo pacifichino e che lo avvicinino al divino. Tutti elementi che trovano una forte corrispondenza anche nello stile adottato da Schrader, che punta a una regia sobria e asciutta, più intenta a sottolineare la metodicità e la calma del protagonista che a mostrare la possibile euforia data dal gioco e dai suoi ambienti. Non è dunque un caso che qui i movimenti di macchina siano lenti e affusolati, che il montaggio risulti cadenzato e che le musiche siano suadenti ma tutt’altro che veloci. Questo si riflette anche nella direzione degli attori: si pensi all’interpretazione volutamente sotto tono di Oscar Isaac, sempre molto attento a non fare un gesto o un’espressione in più dello stretto necessario. Si può quindi affermare che anche lo stile complessivo del film sia quasi bressoniano, non perché ne ricalchi i singoli elementi, ma in quanto ne segue, rielaborandolo e adattandolo, il rigore di fondo.

Il risultato complessivo è un lavoro assolutamente coerente sia nella forma sia nei contenuti, che riesce anche per questo a coniugare efficacemente temi filosofici/metafisici, riflessione politica e ritratto psicologico. 

Il collezionista di carte [The Card Counter., USA/Regno Unito/Cina 2021] REGIA Paul Schrader.
CAST Oscar Isaac, Tiffany Haddish, Tye Sheridan, Willem Dafoe, Ekaterina Baker. 
SCENEGGIATURA Paul Schrader. FOTOGRAFIA Alexander Dynan.
MUSICHE: Giancarlo Vulcano, Robert Levon Been.

Drammatico, durata 112 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly