adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Terminator Genisys

sabato 11 Luglio, 2015 | di Filippo Zoratti
Terminator Genisys
In sala
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

La macchina ammazzacattivi
Non è facile destreggiarsi fra i salti temporali e i paradossi della trentennale saga di Terminator. Non per merito degli sceneggiatori e di una solida idea di fondo però, purtroppo: dopo i due capostipiti targati James Cameron (1984 e 1991), il franchise si è impantanato in una confusa e fragilissima ridda di sequel “spuri”, midquel, reboot e spin-off.

A dare inizio alle danze, Le macchine ribelli di Jonathan Mostow, capitolo sbeffeggiato dai fan che – col senno di poi – ha perlomeno il merito di conoscere i propri limiti, di non pretendere di sostituirsi all’originale. L’affare si complica con il micidiale uno-due messo a segno dalla serie tv The Sarah Connor Chronicles e dal successivo Terminator Salvation: mediacritica_terminator_genisys_290seguito alternativo il primo e “nuovo inizio” il secondo, entrambi privi del repubblicano Schwarzenegger, impegnato a salvare il mondo come Governatore della California. Il caos a questo punto regna: Salvation è l’inizio di una fiammante trilogia, anche se resta l’incognita di come reinserire nel tessuto della vicenda il caro Arnold, che ha già preso accordi per tornare in pista. Così, mentre il regista McG si pavoneggia fornendo anticipazioni sul prosieguo della storia, il suo contratto viene “terminato” bruscamente. Da capo, quindi: forse il progetto passa nelle mani di Joss Whedon, e invece no; forse ritorna Cameron, che potrà (finalmente!) reimpossessarsi dei diritti ma dal 2019. Nel frattempo? Nel frattempo urge confondere un po’ le acque, con la nascita di questo Genisys. Oramai vale tutto e il contrario di tutto: si imbastisce dunque un’epopea a se stante, reboot che non ignora gli eventi precedenti. Chi ci ha capito qualcosa, alzi la mano. Alleggerendo il portato filosofico e cyberpunk del cult di riferimento, il quinto episodio continua a parlarci di John e Sarah Connor, di cyborg cattivi che vogliono annientare la Resistenza e della famigerata intelligenza artificiale Skynet (con ampio riferimento ai social e all’iCloud). Si altera la linearità del tempo, si viola la continuity mandata a memoria e, per dirla con il Nanni Cobretti dei 400 calci, si sparano “quattro o cinque trame in contemporanea e un miscuglio di timeline parallele al cui confronto lo script di Ritorno al futuro 2 è una poesia ermetica”. Nel dubbio, riprendiamo ossigeno e speranza ogni qualvolta appare il beneamato Schwarzy, che generosamente accetta di farsi macchietta semi-comica e semi-umana (alla faccia della regola che vuole le macchine senza cuore e senz’anima). “Sono vecchio, non obsoleto”, ripete a guisa di simpatica gag quando viene deriso. E ha ragione: l’insuperabile Terminator dell’84 – rispedito in sala proprio in questi giorni, come apripista – non è un pezzo di antiquariato, ma un modello. Che nessuno è stato finora capace di seguire e gestire.

Terminator Genisys [Id., USA 2015] REGIA Alan Taylor.
CAST Arnold Schwarzenegger, Emilia Clarke, J.K. Simmons, Lee Byung-hun.
SCENEGGIATURA Laeta Kalogridis, Patrick Lussier. FOTOGRAFIA Kramer Morgenthau. MUSICHE Lorne Balfe.
Azione/Fantascienza, durata 126 minuti.

3 Comments

  1. Ivan Luis says:

    Ottima recensione! Un’analisi ineccepibile e completa… Anche a me Le macchine ribelli non è dispiaciuto 🙂

  2. Vins says:

    “Sono vecchio, non obsoleto” 🙂

  3. Mulder says:

    Schwarzy non invecchia mai, ma la trama, che più contorta non si può, non aiuta di certo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly