adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Matrix Resurrections

sabato 8 Gennaio, 2022 | di Francesco Fabio Parrino
Matrix Resurrections
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Matrix Resurrections, la nuova forma della creatura narrativa di Lana e Lilly Wachowski è una rinascita fiabesca nel segno del meta-linguaggio e del potere dell’amore

Meta-Matrix d’amore   
Diciotto anni dopo la liberazione di Zion (Matrix Reloaded, Matrix Revolutions) Neo/Thomas Anderson (Keanu Reeves) è uno sviluppatore di videogiochi di successo. Ispirato ai suoi ormai flebili ricordi del passato da Neo, il suo Matrix è l’opera videoludica più ricercata. Per riuscire a gestire la sua vita ordinaria, Thomas è in cura da uno psicologo (Neil Patrick Harris) che a ogni seduta gli somministra una pillola blu con cui impedire ai ricordi di Matrix di riemergere dall’oblio.

Quando però il suo capo, Smith (Jonathan Groff), gli annuncia che la Warner Bros lo vuole al lavoro per una trilogia-sequel del suo Matrix, e contemporaneamente Bugs (Jessica Henwick) e Morpheus (Yahya Abdul-Mateen II) accedono per puro caso alla simulazione modale in loop da lui creata, il fragile equilibrio della sua vita viene del tutto compromesso. Non vi è così altra scelta per Thomas/Neo se non di scegliere la pillola rossa per scoprire – ancora una volta – quant’è profonda la tana del Bianconiglio.

Elaborare il lutto. Quello dei genitori Ron e Lynne scomparsi entrambi nel 2019. Si potrebbe inquadrare così la ratio filmica alla base di Matrix Resurrections. Quarto capitolo della saga di Matrix che nel vedere in regia la sola Lana Wachowski e non Lilly, ci suggerisce un differente modo di elaborare il dolore della perdita. Se però per Lilly tornare in Matrix avrebbe significato un passo indietro dopo la sua transizione, per Lana – come dichiarato su EW riabbracciare Neo e Trinity è stato confortante: “Non potevo avere mia madre e mio padre. Eppure all’improvviso ho avuto Neo e Trinity […]. È questo che fa l’arte. E questo è ciò che fanno le storie. Ci confortano e sono importanti”.

Sollievo dell’anima che in Matrix Resurrections Wachowski declina in un bricolage narrativo che tra nostalgia e nuovi inizi destruttura il concetto stesso di sequel – e di riflesso delle logiche industriali hollywoodiane – attraverso meta-linguaggi arguti e dissacranti che è esplicitazione del potere taumaturgico dell’arte di un deja-vù sbagliato. È una nuova forma quella della resurrezione di Matrix. Una transizione filmica che nell’asciugare quasi del tutto gli intenti esistenziali da fantascienza alta del capostipite snellisce la solida componente action di Reloaded e Revolutions (qui rarefatta e poco ispirata), giungendo così nel romantico terreno narrativo della poetica ricongiunzione. Quella di un Neo la cui morfologia John Wick ne amplifica l’aura cristologica da Eletto, e di una Trinity rivestita dalla Wachowski di nuovo ruolo messianico, riuniti dall’amore: l’unico e solo motore dell’Universo.

Pienamente in linea con la produzione artistica delle Wachowski dell’ultimo periodo (Cloud Atlas, Jupiter – Il destino dell’Universo, Sense 8) Matrix Resurrections è spiazzante e divisorio. Cinema immaginifico e fiabesco dal fascino senza tempo che in modo sorprendente e inaspettato ricodifica e rilancia il mito di Neo e Trinity per una nuova generazione di spettatori.

  • Matrix Resurrections [The Matrix Resurrections, USA 2021]
  • REGIA: Lana Wachowski
  • CAST: Keanu Reeves, Yahya Abdul-Mateen II, Jessica Henwick, Jonathan Groff, Neil Patrick Harris, Carrie-Anne Moss, Priyanka Chopra, Christina Ricci, Jada Pinkett Smith
  • SCENEGGIATURA: Lana Wachowski, David Mitchell, Aleksandar Hemon
  • FOTOGRAFIA: John Toll, Daniele Massaccesi
  • MUSICHE: Tom Tykwer, Johnny Klimek
  • Fantascienza/Azione, durata 148 minuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly