adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

One Day

lunedì 14 Novembre, 2011 | di Alice Cucchetti
One Day
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

L’eternità è un giorno
Nella prolifica sequela di coppie di amici inevitabilmente destinati a innamorarsi l’un l’altro che popola cinema a tv (da Harry ti presento Sally e Dawson’s Creek fino all’invasione del 2011, con Amore e altri rimedi, Amici, amanti e…, Amici di letto e la sitcom Friends with Benefits), Emma Morley e Dexter Meyhew rappresentano un caso a sé.

Nel romanzo da cui è tratto One Day (s’intitola Un giorno, l’ha scritto David Nicholls, in Italia è edito da Neri Pozza ed è stato un caso editoriale inglese ai livelli di Alta Fedeltà) i due protagonisti incarnano qualcosa di diverso, e di più profondo, rispetto alle prevedibili regole di sceneggiatura della commedia sofisticata, che impone alle tradizionali traversie amorose di rotolare fino a uno scontato happy ending. Emma e Dexter si incontrano nel pieno dei propri ventanni e degli anni 80, per tutti i 90 si inseguono, si separano, si odiano, si sposano (con altri), si ritrovano. E’ chiaro a tutti (sia al lettore, sia agli altri personaggi) che dovrebbero stare insieme, ma, come ostacoli a volte insormontabili, si frappongono tra loro tutte le piccole e grandi eventualità della vita: l’assenza di tempismo, la sfortuna, le incomprensioni reciproche, la crescita, il cambiamento. Il lettore sfoglia le pagine delle loro storie, appoggiate su una struttura narrativa rigida e definita fin dall’incipit: il romanzo apre una finestra sempre sullo stesso giorno, il 15 luglio, anno dopo anno, e ci mostra cosa stanno facendo Emma e Dex, cosa stanno pensando, a che punto sono della propria vita. Il lettore sfoglia il libro e viene investito da una consapevolezza atroce, dall’ansia del tempo che passa e non ritorna, tagliando nuove strade e possibilità. Mentre le pagine che restano da leggere si assottigliano sempre più, ogni occasione che Emma e Dexter perdono per innamorarsi si trasforma in preoccupazione, frustrazione, paura. Un giorno, sotto le sembianze ingannevoli di dramma romantico, seppellisce l’inquietudine di tutte le cose che ci lasciamo sfuggire per un pelo. Un elenco infinito e irrimediabilmente insondabile di “cosa sarebbe successo se”. Cosa resta, di tutto questo, nel film? Molto, eppure non abbastanza. La regista è Lone Scherfig, un tempo autrice Dogma di Italiano per principianti e, più recentemente, di quel An Education, sceneggiato da Nick Hornby, che ha lanciato la fulgida carriera di Carey Mulligan. I dialoghi di One Day sono scritti dallo stesso David Nicholls, che ne conserva la freschezza e la leggerezza divertita, e trapianta su pellicola la struttura narrativa “un giorno all’anno, per vent’anni”. Scherfig dirige gli attori con mano sicura e Anne Hathaway e Jim Sturgess, già in partenza scelta azzeccata, incarnano Emma e Dexter che meglio non si potrebbe. A far precipitare One Day nel limbo delle commedie drammaticosentimentali è la confezione: leccata, patinata, glamour. Ah, se solo la Scherfig si fosse ricordata che una delle regole del Dogma vietava la colonna sonora extradiegetica e avesse soffocato nel sangue l’autore di quell’insopportabile refrain di pianoforte che ci perseguita per tutte le due ore di pellicola! Sul serio, se andate a vedere questo film, provate a immaginarvelo senza colonna sonora, senza quella fotografia così pulita: guardatelo con le lenti, un po’ più sporche e imperfette, della realtà, e forse vi sarà più chiaro quello che tanti lettori hanno ritrovato di se stessi nelle pagine di Nicholls. Purtroppo, così come lo vediamo, One Day è “solo” un bel film sentimentale, sicuramente indigesto ai detrattori del genere, ma potenzialmente appassionante per chi ama innamorarsi degli amori altrui. Non è poco, ma non è abbastanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly