adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Grand Budapest Hotel

sabato 12 Aprile, 2014 | di Giulia Zen
Grand Budapest Hotel
In sala
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Primavera andersoniana
A soli due anni dal suo ultimo successo, Moonrise Kingdom, Wes Anderson concilia perfettamente l’arrivo del solstizio primaverile italiano tornando a stuzzicare la nostra fantasia ed a inebriarci con un circo di personaggi eccentrici, luoghi immaginari e colori pastello.

Il Grand Budapest Hotel non è solo il titolo della sua ultima opera, vincitrice del Gran premio della giuria al 64° Festival del cinema di Berlino; è anche e soprattutto il sito prediletto della sua ennesima fabula dolceamara, ambientata nell’immaginaria Repubblica di Zubrowka agli inizi del Novecento. Il cineasta texano ha più volte dimostrato grandi doti nella vera e propria “arte del raccontare”, che conferma anche nella sua ultima pellicola. Usufruendo come sempre di un cast straordinario, composto dai “fedeli” (Bill Murray, Willem Dafoe, Adrien Brody) e dalle “new-entry” (Ralph Fiennes, Tony Revolori, F. Murray Abraham, Jude Law),mediacritica_grand_budapest_hotel Anderson edifica una storia dai toni gialli e rosa (pastello, appunto), inserendo qua e là l’immancabile tono amarognolo. Ralph Fiennes è un formidabile Monsieur Gustave, proprietario del rinomato Grand Budapest Hotel, luogo in cui gode dell’“amicizia” delle signore più attempate e, ça va sans dire, facoltose. Egli si lega fortemente al proprio lobby-boy di fiducia, con il quale fa fronte alle accuse di furto e circonvenzione di incapace, ovvero dell’anziana benestante, da poco deceduta, la quale ha lasciato in eredità proprio a Gustave un prezioso quadro. Inizia così la rocambolesca avventura, con l’usuale inserimento di un caleidoscopio di figure demodé e un racconto a ritroso (a narrarlo è l’ormai anziano lobby-boy/Murray Abraham), ricco di gag goliardiche dall’ironia raffinatamente british. Fiennes, in particolare, risulta perfetto nella propria rigida impostazione teatrale, ricercata nella mimica e nella dialettica (che spicca particolarmente nella versione originale del film). L’esordiente Tony Revolori non è da meno, interpretando un personaggio che funge da sorgente affettiva: da un lato è oggetto di un amore quasi paterno (di M. Gustave) e di uno sentimentale (della giovane Agatha/Saoirse Ronan); dall’altro, è oggetto di razzismo e crudeltà a causa della propria etnia, ai quali il cineasta lascia il giudizio spettatoriale. In ogni minuto della pellicola si ritrova l’anima andersoniana: dal pignolo delineamento di ogni personaggio, allo studio di un perfetta location che Robert D. Yeoman ha reso un capolavoro visuale. Dall’attenzione ai dialoghi, inseriti accuratamente in una storia dai tratti mitteleuropei (non dimentichiamoci che la storia è ispirata a Stefan Zweig, cantore degli anni bui del secolo passato), alla scelta come sempre accurata delle musiche, responsabili di un’atmosfera fantasiosamente evocativa. Un’opera che regala un piacere uditivo, visivo ma soprattutto narrativo.

Grand Budapest Hotel [The Grand Budapest Hotel, USA 2014] REGIA Wes Anderson.
CAST Ralph Fiennes, Jude Law, Adrien Brody, Willem Dafoe, Bill Murray, Saoirse Ronan, Edward Norton.
SCENEGGIATURA Wes Anderson, Hugo Guinness, Stefan Zweig. FOTOGRAFIA Robert D. Yeoman. MUSICHE Alexandre Desplat.
Commedia, durata 100 minuti.

Grand Budapest Hotel
3.5 2 70%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly