adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

127 ore

lunedì 28 Febbraio, 2011 | di Chiara Checcaglini
127 ore
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Dialogo (monologo?) della Natura e di un Americano
“Questa roccia è stata qui ad aspettarmi per tutta la vita”. La roccia in questione è quella che tiene bloccato l’avambraccio dell’esploratore Aron Ralston, caduto in fondo ad un crepaccio del Blue John Canyon; vi rimane immobilizzato 127 ore senza possibilità di uscita, fino ad una risoluzione tanto estrema quanto liberatoria.

Paradossalmente i limiti dell’immobilità del protagonista e della costrizione ambientale giovano all’ipercinetismo delle riprese di Danny Boyle. Split screen, angolazioni insolite e movimenti di macchina repentini trovano ragion d’essere nell’esplorazione dello spazio angusto e nella descrizione della degenerazione dello stato psicofisico del protagonista,127ore1 fino alla caduta nell’allucinazione. La personalità di Aron, audace solitario e dunque egoista, riesce ad emergere adeguatamente dai flashback e dai dettagli vissuti nella storia (l’incontro con le ragazze, il rapporto con i “dispositivi di ripresa”, l’analisi della meccanica dell’incidente e il lucido monitoraggio della propria condizione fisica). Se tralasciamo la (facile) presenza del se stesso bambino al momento della decisione definitiva, il vero incontro di Aron con il sé più profondo avviene nella bella sequenza dell’ “auto-talk show”, perfetta sintesi tra l’ottima performance attoriale di James Franco e la tecnica registica, che sfrutta il raddoppiamento del dispositivo reso possibile dalla presenza della videocamera del protagonista. Numerose vedute dall’alto contrappongono la vastità del paesaggio alla piccolezza dell’uomo (su tutti il movimento di macchina che dal crepaccio arriva ad includere il tutto in cui si perdono le grida d’aiuto), ma è soprattutto nello stupore iniziale di Aron e nel ripercorrere gli eventi che l’hanno portato “proprio lì e proprio allora” che la forza imperscrutabile della natura si manifesta: “tutto è in continuo movimento”, dice poco prima alle due giovani esploratrici; oppure tutto può arrestarsi in un’impenetrabile fissità che sormonta la finitezza dell’essere umano. Una parte di Aron muore nel crepaccio, come evidenzia il necrologio autografo inciso sulla parete rocciosa; una parte di lui rimane letteralmente “dentro quella crepa sulla superficie della terra”, contemporaneamente monito alla natura di “animale sociale” dell’uomo e macabro monumento all’insopprimibile istinto alla vita, l’arma più potente di fronte alle avversità di un universo infinitamente più grande di noi.

127 ore [127 Hours, USA/Gran Bretagna 2010] REGIA Danny Boyle.
CAST James Franco, Kate Mara, Lizzy Caplan, Amber Tamblyn.
SCENEGGIATURA Danny Boyle, Simon Beaufoy (tratta dal libro Between a Rock and a Hard Place di Aron Ralston). FOTOGRAFIA Anthony Dod Mantle, Enrique Chediak. MUSICHE Allah Rakha Rahman.
Drammatico/Avventura/Biografico, durata 93 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly