adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Biografilm Festival

giovedì 23 Giugno, 2011 | di Chiara Checcaglini
Biografilm Festival
In sala
0
Facebooktwittermail

Bologna 10-20 giugno

Un crocevia impossibile
Uno dei film vincitori dell’Audience Award al Biografilm Festival 2011 è 12th & Delaware, di Heidi Ewing e Rachel Grady.

Dopo Jesus Camp le due documentariste continuano ad esplorare con obiettività le contraddizioni dell’incidenza della religione nella vita dei cittadini statunitensi. All’incrocio tra la 12th e la Delaware di Fort Pierce, Florida, si fronteggiano una clinica per aborti diretta dai coniugi Dye e un Centro per la Maternità di estrazione cattolica. Non si scontrano solo due punti di vista, ma due concezioni del mondo irriducibili l’una all’altra, personificate nelle due donne che portano avanti le strutture, Candace Dye e Anne Lotierzo. Nell’opinione degli attivisti Pro-Life, la possibilità di scelta (Pro-Choice), portata avanti da strutture come quella dei Dye, equivale a sposare un’opzione assassina: la Morte non può che essere l’alternativa al valore della Vita di cui essi si fanno latori.
Stando a quanto affermato dalle stesse registe, il montaggio segue l’ordine cronologico delle riprese: la prima parte è situata intorno e all’interno del Pregnancy Care Center, mentre la clinica per aborti è solo una casa blindata dal cui garage entra ed esce una rombante Mustang gialla con cui Arnold, marito di Candace, scorta i medici abortisti dentro e fuori dalla sala operatoria. Proprio il garage fa da connettore tra le due parti quando, ad un certo momento del film, il punto di vista si sposta all’interno della clinica abortista.

Lo sguardo che si posa sui due territori arriva fin nell’intimità dei colloqui con le pazienti, eppure rimane discreto e il più possibile imparziale: sono i fatti, le parole, i comportamenti a fornire gli strumenti per prendere posizione e a comunicare un’impressione piuttosto che un’altra. Inevitabilmente l’attivismo Pro-Life appare fondato su una pericolosa e ottusa distorsione della realtà. D’altra parte le scelte linguistiche non possono mai essere totalmente super partes: all’inizio ad esempio non è chiaro in quale dei due centri si svolga il lavoro di Anne, così lo spettatore si trova a condividere il disorientamento delle pazienti che, confuse dall’insegna Pregnancy Care Center, sbagliano letteralmente edificio ed entrano nel centro Pro-Life; qui, solo dopo un’ecografia gratuita e un colloquio fatto apposta per instillare dubbi e paure viene loro rivelato che la clinica che cercano è dall’altra parte della strada. L’atteggiamento di Candace, rispettoso dell’individualità di ogni ragazza, fa da contraltare agli inquietanti atteggiamenti degli attivisti cattolici: dai macabri manifesti alla diffusione di informazioni mediche assolutamente false, dalle promesse di aiuti economici alle odiose bugie sulla progressione delle gravidanze, ogni mezzo è lecito per convincere le donne, spesso giovani e provenienti da situazioni di disagio, a non abortire. Il tutto riassunto sotto l’agghiacciante rifiuto del riconoscimento dei diritti delle donne sul proprio corpo, come candidamente affermato dal militante più estremista. Alla fine non si tratta più di due concezioni del mondo, ma di una precisa scelta di violenza e perpetrazione dell’ignoranza a fronte di una professione, magari discutibile ma senz’altro più onesta.

Dietro ad una descrizione così localizzata, emerge la problematica questione della sanità statunitense, spesso inadatta ad incontrare le esigenze dei cittadini in generale e di alcune categorie più a rischio in particolare, che finiscono per essere facilmente ricattabili e condizionabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly